fbpx

Reggio Calabria, l’omaggio per i 200 anni della rivoluzione greca: il bianco e celeste della bandiera ellenica proiettati su Palazzo San Giorgio [FOTO]

palazzo san giorgio reggio calabria bandiera grecia Foto StrettoWeb

Domani si celebrano i 200 anni della rivoluzione greca, data di festa per lo Stato balcanico: l’omaggio di Reggio Calabria, che storicamente fu una delle colonie più floride della Magna Grecia

Le origini non possono essere cancellate. Cade domani la data (25 marzo) della rivoluzione greca del 1821, una giornata di festa nazionale per lo Stato ellenico, che anche Reggio Calabria ci tiene a celebrare. La millenaria Storia della città calabrese dello Stretto  inizia proprio dalla fondazione dei greci nell’VIII secolo a.C. e fu una fiorente colonia della Magna Grecia. Così sul Corso Garibaldi, precisamente a Palazzo San Giorgio, sede del Comune, è stata proiettata la bandiera biancoceleste come omaggio.

Perché in Grecia si festeggia il 25 marzo? La festività, che si celebra il 25 marzo, commemora l’inizio della guerra per l’indipendenza dagli ottomani, avvenuta a Patrasso il 25 marzo 1821. L’atto solenne della Rivoluzione inizia con Germanos, metropolita di Patrasso che benedice gli insorti greci. Eroi della Rivoluzione greca come Theodoros Kolokotronis, Alexandros Ypsilanti e Giovanni Capodistria, diedero un contributo notevole con le loro azioni epiche. É da ricordare, inoltre, che gli ottomani da quattro secoli occupavano il territorio greco. Durante la rivoluzione greca contro la dominazione ottomana si scrissero fiumi di pagine gloriose, a volte intrise di sangue per la lotta alla libertà, della storia ellenica. Condottieri e capitani irriducibili, uomini valorosi e coraggiosi combatterono e immortalarono l’idea di un popolo libero, anche attraverso le loro gesta: ovviamente il sogno di questi eroi era quello essenzialmente di una Grecia libera e indipendente.