fbpx

Reggio Calabria, l’Associazione Anassilaos organizza un ciclo di incontro sul tema “I nostri maggiori: i Professori reggini che hanno fatto la scuola”

Reggio Calabria: ciclo di brevi incontri, ancora in remoto, agli insegnanti che hanno nobilitato la scuola reggina sul tema “I nostri maggiori: i Professori reggini che hanno fatto la scuola”

L’epidemia di covid, al di là dei risvolti sanitari gravissimi, e delle diverse problematiche economico-sociali, si è abbattuta con forza dirompente sulla scuola italiana. Dallo scorso marzo sono stati veramente pochi i periodi di lezioni in presenza. Mai prima d’ora, forse neppure ai tempi della Seconda Guerra Mondiale a causa delle incursioni aeree sul nostro Paese, la scuola italiana ha vissuto momenti così difficili e tragici. Così “ai diversamente giovani”, quali noi siamo adesso – scrive Stefano Iorfida Presidente dell’Associazione Culturale Anassilaos – e agli studenti di un tempo quali eravamo, è venuta una nostalgia forte della scuola d’antan con i suoi antichi riti e i suo docenti che hanno insegnato i valori dell’onestà in un mondo spesso disonesto, la lealtà in un mondo sleale e soprattutto la capacità di ragionare e pensare in maniera autonoma senza interferenze e condizionamenti. Sono stati gli insegnanti ma soprattutto i maestri ai quali dobbiamo quel civismo di cui ancora oggi ci sentiamo fieri. Da qui l’idea di dedicare un ciclo di brevi incontri, ancora in remoto, agli insegnanti che hanno nobilitato la scuola reggina sul tema “I nostri maggiori: i Professori reggini che hanno fatto la scuola”. Non ci nascondiamo che un operazione siffatta nasconda quale movente la nostalgia ma nello stesso tempo riteniamo che ricordare tali uomini e donne sia oltre che un atto di doveroso omaggio (“Vita mortuorum in memoria est posita vivorum – La vita dei morti risiede nella memoria dei vivi- scriveva Cicerone ) anche un viaggio ideale alla ricerca di quelle virtù che la scuola d’un tempo a Reggio Calabria come nell’intera Italia sapeva insegnare. E’ del tutto evidente che per realizzare un vero e proprio ciclo c’è bisogno della disponibilità a ricordare dei tanti che sono stati studenti e per questo Anassilaos rivolge un invito ai disponibili, verrebbe da dire ai volenterosi se tale termine non fosse stato reso inutilizzabile dal maneggio politico degli ultimi giorni. Il primo incontro, curato dalla Prof.ssa Rosetta Neto Falcomatà, disponibile sul sito facebook di anassilaos e su you tube da giovedì 11 marzo, è dedicato alla figura del Prof. Carmelo Restifo, illustre grecista, autore, tra l’altro, della grammatica storica “Nuovo corso di greco”, ritenuta un classico dagli addetti ai lavori, che ha insegnato per moltissimi anni presso il Liceo Classico “Tommaso Campanella” educando all’amore per il mondo antico varie generazioni di reggini.