fbpx

Reggina, a Napoli già si “coccolano” Folorunsho: “Può essere il futuro degli azzurri”

Folorunsho Reggina

Reggina, a Napoli già stanno iniziando a notare le qualità e la crescita di Michael Folorunsho: le parole di un giornalista su colui che ritiene il “futuro” in casa azzurra

Michael Folorunsho è la rivelazione della Reggina. Anzi, senza esagerare, forse dell’intera Serie B. L’intuizione di Baroni di spostarlo sulla trequarti si è rivelata azzeccata, con il giovane italo-nigeriano in grado di interpretare questa posizione in maniera atipica: non solo lampi di classe, ma anche tanta forza, fisicità, muscoli, inserimenti e… gol. Con 6 reti, di cui tre consecutivi, ha scavalcato Liotti diventando il capocannoniere amaranto.

Per la Reggina, un unico “neo”: non è di proprietà. Massimo Taibi se lo è assicurato quest’estate in prestito secco dal Napoli, ma su di lui non è stata operata alcuna clausola riguardante un possibile riscatto. Riscatto su cui, adesso, diventerebbe difficile lavorarci, per due motivi: il primo è legato al valore economico sensibilmente cresciuto negli ultimi mesi, tanto da costituire uno sforzo non indifferente e forse fuori portata per le casse amaranto; il secondo concerne il club che ne detiene la proprietà, il Napoli. Non solo a Reggio Calabria ci siamo infatti accorti della sua crescita, ma anche – normale che fosse così – dalle parti del Vesuvio. “Il futuro del Napoli può essere in casa. Mi riferisco a un calciatore di proprietà degli azzurri che sta facendo benissimo alla Reggina, che lo ha ingaggiato in prestito: Michael Folorunsho. Ha giocato una grandissima partita contro la SPAL, è un ottimo trequartista. Complimenti a lui“. Queste parole provengono da Rino Cesarano, firma storica del Corriere dello Sport che ha parlato a Radio Kiss Kiss Napoli.

Una presa di coscienza che ben presto in tanti noteranno da quelle parti. Per il futuro, pur dovendo crescere ancora tanto, Michael Folorunsho può rappresentare un’importante risorsa per il club partenopeo. Con rammarico della Reggina che, tornando indietro, proverebbe magari a “strappare” qualcosa di più di un prestito. Ad oggi, forse, l’unico “appiglio” a cui può aggrapparsi Taibi è il rinnovo del prestito per un altro anno, a meno che quest’estate non succeda qualcosa di imprevedibile, ad oggi – però – molto difficile. Non resta che attendere, ma senza fretta. Per ora, infatti, godiamoci questo Folo!