fbpx

Reggina-Monza, Baroni: “Vittoria meritata, ma pensiamo subito a Brescia. Empoli servita da lezione. Su Folorunsho…”

  • Foto di Simone Arveda / Ansa
    Foto di Simone Arveda / Ansa
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
/

E’ terminata la sfida tra Reggina e Monza: nel post gara, direttamente dalla sala stampa del Granillo, le parole del tecnico amaranto Marco Baroni

La sfida tra Reggina e Monza è da poco terminata. Nel post gara, direttamente dalla sala stampa dello stadio Granillo, a presentarsi ai giornalisti è il tecnico amaranto Marco Baroni, che ha analizzato la gara dei suoi. Queste le sue parole.

LA PRESTAZIONE – “Abbiamo centrato la prestazione e preparato bene la partita, cosa non possibile in altre gare. La squadra, anche dal punto di vista tattico, non ha sbagliato niente,. E’ una vittoria meritata, importante, di prestigio, visto l’avversario. Chiaro che adesso dobbiamo metterla alle spalle perché si rigioca subito”.

FOLORUNSHO – “Per Folorunsho speriamo che gli accertamenti non aggravino la situazione, perché per noi è importante”.

EMPOLI SERVITA DA LEZIONE – “La sconfitta di Empoli ha inciso molto su questa vittoria. Se non vinco imparo, lo dico sempre. C’era entusiasmo, fiducia, voglia, quella sera, e la squadra si è fatta trasportare dall’importanza del match, ma noi non potevamo fare quella partita contro una squadra di quelle. Oggi invece l’interpretazione è stata diversa, anche se allora c’era stato meno tempo per prepararla”.

FINALE NON IN SOFFERENZA – “Il Monza palleggia da dietro, con i centrali e con Scozzarella, glielo abbiamo concesso, ma eravamo forti sui riferimenti, siamo stati aggressivi. Loro con questo giro-palla possono darti pressione ma io avevo preparato i ragazzi a stare sempre sull’attenti, concentrati, abbiamo rubato tanti palloni”.

I SINGOLI – “Noi abbiamo preso dei ragazzi che io conoscevo, venivano da situazioni in cui non giocavano o erano addirittura senza squadra come Lakicevic. Il gruppo che sta lavorando con me è stato bravo ad accelerarne l’inserimento. Okwonkwo, Edera, Micovschi, Kingsley possono crescere ancora molto, ma anche Dalle Mura che per me è fortissimo. Stiamo cercando di portare avanti tutti. Quando c’è la disponibilità e l’attenzione nel lavoro, il mio compito è facilitato. Qualcuno morde il freno, qualcuno non è contento, ma ci sta”.

BELLOMO E I CENTROCAMPISTI – “Bellomo si è conquistato il posto. Quando sono arrivato ho fatto delle scelte, lui oggi ha interpretato bene la partita. Io preparando la gara devo mettere insieme i calciatori, avevo bisogno di uno come lui che garantisce la verticalità. Abbiamo lavorato anche insieme, siamo andati alla ricerca di quello che secondo me può portare ad ottimizzare le sue prestazioni all’interno di un contesto di squadra. Voglio fare una precisazione per il centrocampo: Crisetig per me è importante, ma ha un fastidio e sto cercando di allentare un pochettino la tensione perché ha giocato tanto. E’ stato sempre uno dei più presenti. Sono riuscito a fare turnover anche perché gli altri stanno bene. Quando c’è il gruppo che segue, che apprende con voglia, che vuole migliorarsi, il mio lavoro è facilitato. C’è comunque ancora tanto lavoro da fare e tante partite in cui non bisogna mollare niente”.

In sala stampa si presenta anche Marco Crimi. Queste le sue parole.

“L’importante era dare intensità, lo avevamo detto in settimana. Sapevamo che la partita era tosta per via dell’avversario e senza alzare i ritmi saremmo andati in difficoltà. Non mi aspettavo la situazione di classifica che c’era quando sono arrivato, dall’esterno. Ho pensato subito che si potesse fare bene e che con qualche risultato ne saremmo usciti fuori. Vincere aiuta a vincere ma la compattezza trovata è stata importante, anche per chi è entrato. Allontanarsi dai playout è fondamentale ma non bisogna abbassare mai la guardia. Dobbiamo stare concentrati e andare a tutta questi due mesi, pensando partita per partita. Sono contento di essere riuscito a trovare spazio, venivo da una situazione in cui non riuscivo a esprimermi al meglio, ora sono semplicemente contento di vincere le partite e di dare il mio contributo”.

Balotelli e Boateng? No, Bellomo e Rivas! Il Monza al Granillo non si vede, la Reggina lo annulla e fa l’impresa!

Reggina-Monza 1-0, le pagelle di StrettoWeb: Bianchi correva già da giovedì, Bellomo cambia nazionalità

Risultati Serie B 28ª giornata: Reggina, eccola che arRivas! La vittoria contro il Monza ti porta a -6 dai Playoff. Classifica e marcatori

Reggina-Monza, Baroni: “Vittoria meritata, ma pensiamo subito a Brescia. Empoli servita da lezione. Su Folorunsho…”