fbpx

Reggina-Monza, Barillà: “Anche senza pubblico il Granillo rimane un posto stupendo in cui giocare a calcio”

Antonino Barillà Foto di Franco Cufari / Ansa

Reggina-Monza: le parole dell’ex più atteso della sfida di sabato, Nino Barillà, che esalta la sua città nativa e lo stadio Granillo

L’ex più atteso di Reggina-Monza è senza dubbio Nino Barillà. Il centrocampista di Catona, nato e cresciuto in amaranto, non può dimenticare cosa Reggio Calabria e la sua squadra gli hanno lasciato nel corso della sua prima parte di carriera. Sabato, però, ritroverà per la prima volta il Granillo da avversario: “Reggio Calabria è casa mia, ci sono cresciuto sia come ragazzo che come calciatore – afferma il centrocampista a ‘Il Cittadino’ – Sarà la prima volta che entro allo stadio da avversario, doveva succedere. A Reggio stanno facendo un grandissimo campionato, oltretutto da neo­promossi. All’andata è stata una partita dura, risolta da Dany Mota. A gennaio la squadra si è rinforzata molto e non possiamo assolutamente sottovalutarla. Specialmente in casa, quando ci giocavo io, la tifoseria faceva la differenza, ora non ci saranno e forse sarà un vantaggio, ma dobbiamo assolutamente rispettare l’avversario. Anche senza pubblico il Granillo rimane un posto stupendo in cui giocare a calcio. Non vedo l’ora di tornarci”.