fbpx

Reggina, gli allenamenti riprendono mercoledì: la situazione tra assenti e recuperi

centro sportivo sant'agata reggina 6 Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

La Reggina, dopo il pari di ieri contro il Chievo, avrà due giorni di riposo e riprenderà le fatiche mercoledì: la situazione tra assenti e recuperi

Un punto che vale come una vittoria. E ogni tanto ci può anche stare. La Reggina, ieri al Granillo contro il Chievo, è stata fortunata. Inutile nasconderlo, lo hanno detto tutti e anche lo stesso mister Baroni. Ma è forse tra le poche volte che in questa stagione un pari viene visto come positivo, per l’andamento del match e per la prestazione. Sono molte di più, infatti, le situazioni in cui è stato più il rammarico che il sollievo. Stanchezza mentale e fisica alla base di una squadra sottotono e incapace di reagire già dal turno infrasettimanale a Brescia.

Adesso la sosta che ci voleva, così ha detto anche Baroni, perché permetterà di far rifiatare chi più di altri ha tirato la carretta nelle ultime settimane, specie tra centrocampo ed esterni. Ma, soprattutto, per far sì che si recuperi qualche calciatore infortunato, uno su tutti Michael Folorunsho. La speranza è che l’ex Francavilla sia disponibile per il match di Venezia anche parzialmente, così da poterlo avere a pieno servizio per il rush finale. E’ necessario recuperare pienamente anche Crisetig, alle prese con un piccolo fastidio da qualche settimana, e capire a che punto sarà Petrelli, arrivato già acciaccato in riva allo Stretto e mai sceso in campo. Tornerà Loiacono dalla squalifica mentre non si vedrà per un po’ Rigoberto Rivas, convocato dalla Nazionale dell’Honduras per gli impegni di mercoledì 24 e domenica 28 marzo, nonché i due azzurrini Plizzari e Delprato, convocati in Under 21. Due i giorni di riposo concessi, si torna in campo mercoledì pomeriggio al Sant’Agata.