fbpx

Recovery Fund, nuova chance per il ponte sullo Stretto: il tunnel sommerso invece resta un’inutile utopia

ponte o tunnel sullo stretto tra messina e reggio calabria

Il Recovery Fund riapre l’ipotesi del ponte sullo Stretto: il tunnel sommerso resta invece un’utopia incerta nei modi, tempi e costi economici

Un’idea evergreen, che torna sempre di moda accompagnata da grande entusiasmo, poi rallenta lentamente fino a fermarsi e scivolare nel dimenticatoio. Anno dopo anno, governo dopo governo. Il ponte sullo Stretto è l’eterna promessa della politica italiana, tornata nuovamente in auge anche con il governo Draghi. L’occasione di poter utilizzare i fondi del Recovery Fund è quantomai ghiotta, al punto che la Commissione tecnica del Mit sta lavorando su un documento di 200 pagine che dovrebbero ribadire l’utilità dell’infrastruttura per il Paese.

ponte sullo stretto mario draghiIl gruppo WeBuild, protagonista nella realizzazione in tempi record del ponte San Giorgio di Genova, ha redatto un progetto approvato nel 2011 e presentato dal consorzio Eurolink (di cui fa parte la stessa Webuild). Si trattava (prima che il tutto venisse bloccato per la messa in liquidazione della società concessionaria Stretto di Messina Spa) della realizzazione del ponte più lungo al mondo per lunghezza della campata unica (3.300 metri), immediatamente cantierabile e realizzabile in pochi anni. In termini economici, i costi di costruzione sarebbero di 7.1 miliardi di euro. Transiterebbero sulla struttura 6 milioni di veicoli l’anno e 60.000 treni. In termini di lavoro, tra assunzioni dirette e indotto, costruire il ponte significherebbe creare 118.000 nuovi occupati, pari a un incremento dello 0,5% del tasso di occupazione nazionale. Allo stesso modo la costruzione dell’opera e il suo utilizzo garantirebbero una crescita annuale del Pil pari a 2,5 miliardi di euro, l’equivalente dello 0,2% del prodotto interno lordo italiano. Numeri che rendono ben chiara l’utilità del ponte sullo Stretto e l’importanza di un’occasione da non sprecare.

Nelle ultime settimane, parallelamente al progetto del ponte, si è parlato anche di un tunnel flottante da costruire sotto le acque dello Stretto di Sicilia. Una struttura senza dubbio avveniristica, inesistente al mondo per tale lunghezza. L’unico riferimento potrebbe essere il tunnel flottante che la Norvegia sta progettando per coprire la distanza marina di un fiordo. In questo caso, l’opera è più che altro un’utopia difficile da realizzare per tempi, modi e costi. L’opera è tutt’ora in fase di studio: va valutato con attenzione non soltanto l’ingente aspetto economico, ma anche la reale possibilità di realizzare la struttura nello Stretto, dove si incontrano il Mar Tirreno e il Mar Ionio e dove le correnti sottomarine sono molto forti. Inoltre, mai come in questo caso, il tempo è denaro: costruire il tunnel vorrebbe dire rimandare la realizzazione dell’opera per chissà ancora quanti anni, ammesso che alla fine degli studi, si ritenga possibile realizzarlo. Calabria e Sicilia aspettano dagli anni ’90, il Recovery Fund è un’occasione da non perdere adesso.