fbpx

Partito Democratico: incontro dal titolo “Da Santo Stefano l’impegno dei democratici per la Calabria e il PD”

“Da Santo Stefano l’impegno dei democratici per la Calabria e il PD” è il titolo di un partecipato incontro in video conferenza promosso dal circolo del Partito Democratico di Santo Stefano

“Da Santo Stefano l’impegno dei democratici per la Calabria e il PD” è il titolo di un partecipato incontro in video conferenza promosso dal circolo del Partito Democratico di Santo Stefano che a “porte aperte” ha aderito all’invito del neosegretario Enrico Letta di dibattere sui 20 punti del discorso programmatico: a relazionare Carmen Latella (delegata nazionale PD), Angela Martino (consigliera e delegata nazionale PD) e Mimma Vitale (delegata della consulta giovanile). Presenti con il sindaco e portavoce del circolo Francesco Malara, l’assessore reggiono Rocco Albanese, il commissario regionale Stefano Graziano (da cui è venuta la proposta di una 488 per il turismo), Nicola Irto candidato alla presidenza della Regione Calabria con il suo invito all’impegno e alla partecipazione in questa fase storica regionale. Le conclusioni sono state affidate a Nicola Oddati da cui è arrivata piena condivisione per le scelte di Enrico Letta “in linea con le conclusioni” di Zingaretti: a convincerlo “la nomina di una vicaria e la richiesta di nominare due capigruppo donne; l’impegno per la costruzione di un’alleanza larga che comprenda i 5 Stelle; l’idea di andare al voto nel 2023 con questo gruppo dirigente”.

“È stato un incontro in video conferenza molto partecipato – ha commenta il sindaco di Santo Stefano e portavoce del PD Francesco Malara – per rinnovare l’impegno dei democratici per la Calabria, tra l’altro in un momento di crisi economica e sociale in cui la pandemia ha stravolto il contenuto dei tavoli politici che non discutono più di austerità ma della migliore allocazione possibile delle risorse provenienti dal Next Generation Eu per il tramite del piano nazionale di ripresa e resilienza. L’impegno è affinchè il Partito Democratico abbia la capacità di sintetizzare e far convivere l’anima di sinistra invocata da Gramsci (nella sua invettiva contro gli indifferenti) con il nuovo umanesimo predicato da Papa Francesco (nel suo invito a costruire ponti e non muri) e anche con lo spirito liberista einaudiano che condizionava la libertà politica alla libertà economica. Questo è stato il senso dell’incontro”.