fbpx

‘Ndrangheta, arresti Asp Reggio Calabria. Luigi de Magistris, “la pandemia fa emergere le conseguenze di anni di colpevoli silenzi, di collusioni, di affari giocati sulle spalle delle calabresi”

Luigi de Magistris Foto di Ciro Fusco / Ansa

‘Ndrangheta, arresti Asp Reggio Calabria: le parole di Luigi de Magistris

Oggi una nuova attivita’ d’indagine della Dda di Reggio Calabria, con emissione di numerose misure cautelari da parte del GIP del Tribunale per reati gravissimi, rivela il ruolo delle cosche sulla Sanita’ e come, attraverso corruzioni e connivenze di professionisti arrivati ai vertici dell’Azienda, sarebbe stato alterato il funzionamento di parte dell’Asp di Reggio Calabria“. Lo afferma Luigi de Magistris, sindaco di Napoli, candidato Presidente della Regione Calabria. “Al di la’ degli esiti delle indagini – afferma – ed il principio garantista di presunzione d’innocenza, ogni giorno che passa e’ sempre piu’ chiaro in che modo il diritto alla salute in Calabria sia stato oltraggiato e negato. La pandemia, con tutte le inefficienze del sistema sanitario, fa emergere in modo evidente tutte le conseguenze di anni di colpevoli silenzi, di collusioni, di affari torbidi giocati sulle spalle delle calabresi e dei calabresi. La Sanita’ calabrese e’ stata trasformata da apparati conniventi e corrotti in una mangiatoia, alla quale si sono rivolti soggetti che disprezzano questa terra e chi la abita e che hanno consentito di accumulare, per il solo territorio di Reggio Calabria, un buco che potrebbe essere di addirittura un miliardo di euro. Una cifra da fare tremare i polsi, una cifra per la quale gridano giustizia – continua – una per una, le persone che ad oggi non hanno servizi, non hanno assistenza, non possono godere dell’articolo 32 della Costituzione, che dice “La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettivita’, e garantisce cure gratuite agli indigenti”. E’ in nome della Costituzione che ho dato, do e daro’ tutte le mie energie per ristabilire il Diritto alla Salute in Calabria. Faro’ questo insieme a tutte quelle persone libere, competenti, coraggiose e oneste che non possono piu’ vedere la Calabria ostaggio di apparati massomafiosi che hanno trasformato spesa pubblica sanitaria nel proprio bancomat“.