fbpx

Eruzione dell’Etna: oggi il 12° parossismo, fontana di lava alta 500 metri [FOTO]

  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
  • Foto StrettoWeb
    Foto StrettoWeb
/

Eruzione dell’Etna: cessata la fontana di lava del 12° parossismo degli ultimi 23 giorni

Il parossismo del’Etna cominciato questa mattina e’ cessato, cosi’ come l’attivita’ stromboliana al cratere di Sud-Est. Quello di stamattina è stato il 12° parossismo degli ultimi 23 giorni. Per quanto riguarda l’emissione lavica, spiega l’Ingv, la colata di lava principale che si espande in Valle del Bove continua ad essere moderatamente alimentata e il fronte lavico si attesta ad una quota di circa 1700 m slm. E’ stata inoltre osservata una seconda colata lavica che si e’ propagata verso Sud-Est sul versante occidentale della Valle del Bove fino a raggiungere una quota di circa 3000 m slm ed appare anch’essa non piu’ alimentata e in raffreddamento. La cenere e’ caduta sugli abitati di Milo, Santa Venerina, Torre Archirafi. “Continua – aferma l’Ingv di Catania – l’attivita’ stromboliana intracraterica alla Voragine, Bocca Nuova e Cratere di Nord-Est. L’ampiezza media del tremore vulcanico e’ in decremento mantenendosi ancora su valori alti. Le sorgenti del tremore sono localizzate al Cratere di Sud est ad una profondita’ di circa 2.5 km s.l.m.. Il tasso di occorrenza degli eventi infrasonici e’ alto e la loro localizzazione permane presso il Cratere di Sud est. L’analisi dei dati clinometrici per l’evento parossistico ha mostrato variazioni in diverse stazioni, con valori massimi cumulati (inferiori a 3 microradianti) registrati alla stazione di Cratere del Piano (ECP). I dati della rete GNSS nelle ultime ore non hanno mostrato variazioni significative“.