fbpx

Coronavirus: in Calabria ferme le vaccinazioni degli insegnanti, peggio solo la Liguria. Sicilia tra le Regioni più virtuose, ecco la situazione in Italia

italia-vaccino-anti-covid Foto di Angelo Carconi / Ansa

In Sicilia sono 39.481 le dosi inoculate al personale scolastico, mentre in Calabria solamente 189. Il confronto con le altre Regioni italianw

Prosegue la campagna vaccinale in Italia e, come comunicato dal premier Mario Draghi nella giornata di ieri, ci sarà un accelerata nei prossimi giorni. In totale (con aggiornamento alle ore 9.50 del 9 marzo 2021) sono 5.587.592 le dosi di vaccino somministrato contro il Covid-19 finora somministrate in Italia, l’77.5% del totale di quelle consegnate. Ad oggi la somministrazione ha riguardato 3.426.376 donne e 2.161.216 uomini. Le persone che hanno ricevuto entrambe le dosi sono invece 1.697.225. In modo particolare, le dosi sono state somministrate al personale scolastico sono esattamente 423.472, ma c’è grande disparità sul tutto il territorio nazionale: molte Regioni infatti viaggiano a passo spedito, mentre altre non hanno ancora un piano vero e proprio (oppure non lo hanno avviato) per immunizzare gli insegnanti e i dirigenti. Alla prima categoria appartiene la Sicilia con 39.481 dosi inoculate, alla seconda invece la Calabria che è ferma a sole 189. Il tema ha catturato l’attenzione del presidente Nino Spirlì che aveva emanato un’ordinanza di chiusura delle scuole per favorire le vaccinazioni, oggi impugnata dal Tar, pare invece dovrebbe piuttosto occuparsi del discorso organizzativo e migliorare le modalità di prenotazione. Ecco di seguito i dati di tutte le Regioni italiane:

Campania: 69.501
Puglia: 59.846
Lazio: 48.818
Toscana: 44.006
Sicilia: 39.481
Piemonte: 33.365
Emilia-Romagna: 32.970
Veneto: 29.616
Abruzzo: 14.431
Friuli Venezia Giulia: 11.632
Umbria: 10.897
Alto Adige: 8.807
Lombardia 6.975
Marche: 5.878
Trentino: 2.030
Basilicata: 1.371
Molise: 982
Valle d’Aosta: 538
Sardegna: 304
Calabria: 189
Liguria: 161

Vergogna vaccini in Calabria, Rete 4 smaschera le inefficienze anche a Scilla: “Abbiamo fatto 50km ma ci hanno detto che sono finite le prime dosi”