fbpx

Coronavirus: nei laboratori A.O.U. “G. Martino” di Messina avviata la diagnostica molecolare per l’individuazione delle varianti

Coronavirus: l’A.O.U. “G. Martino” di Messina rende noto che i propri laboratori hanno avviato la diagnostica molecolare per l’individuazione delle varianti SARS-CoV-2

L’A.O.U. “G. Martino” di Messina rende noto che i propri laboratori hanno avviato la diagnostica molecolare per l’individuazione delle varianti SARS-CoV-2. Grazie al lavoro svolto dalle strutture dirette dai proff. Giuseppe Mancuso e Teresa Pollicino, l’Azienda fornisce ora alle strutture sanitarie preposte al controllo – a livello locale, regionale e nazionale – riscontri sulle cosiddette varianti “inglese”, “sudafricana”, “brasiliana”, “nigeriana”, “californiana”, “scozzese” e sarà inoltre in grado di aggiornare gli esami rispetto ad altre eventuali varianti. I test diagnostici eseguiti prevedono l’utilizzo del sequenziamento di Sanger dell’intero gene “S”, che codifica per la proteina virale Spike, e del Next-Generation-Sequencing (NGS) dell’intero genoma di SARS-CoV2. Già nei giorni scorsi, gli esami effettuati presso l’Azienda avevano permesso, tra l’altro, di individuare i 2 casi di “variante inglese” contestualizzati a Castell’Umberto. Si tratta di un supporto fondamentale, in questa fase della pandemia, fornito agli organismi sanitari preposti al contenimento del Covid-19. Un impegno che, ovviamente, si aggiunge all’attività di analisi dei tamponi che prosegue ormai da un anno.