fbpx

Calabria, Irto: “il documento strategico per la programmazione europea 2021-2027 è uno spudorato copia-incolla”

irto Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Calabria, Irto: “il documento strategico per la programmazione europea 2021-2027 della Giunta regionale della Calabria è uno spudorato copia-incolla del lavoro fatto da altre regioni”

“Il documento strategico per la programmazione europea 2021-2027 della Giunta regionale della Calabria è uno spudorato copia-incolla del lavoro fatto da altre regioni. Guardate queste immagini: a sinistra trovate il documento precedentemente approvato dal Friuli Venezia Giulia, a destra quello che la giunta Spirlì ha portato nell’aula del Consiglio regionale, costretta a rinviarne la trattazione dopo aver tentato incredibilmente di farlo approvare così”. Lo scrive su Facebook Nicola Irto, candidato governatore del Pd in Calabria, pubblicando le foto. “Non hanno cambiato una virgola in molte parti e non hanno neppure perso tempo a rileggerlo, al punto che a pag. 98 si parla dello ”sviluppo sostenibile e integrato del territorio lombardo -prosegue-. Ci sarebbe da ridere ma purtroppo c’è da piangere e indignarsi. Sappiamo tutti bene quanto i fondi strutturali europei siano ossigeno per una regione in ritardo di sviluppo come la Calabria. La giunta regionale avrebbe dovuto lavorare con molta serietà al processo di redazione e condivisione delle scelte strategiche, anche aggiornandole alla luce delle nuove emergenze sociali e economiche post pandemia”. “Il livello di irresponsabilità e di incapacità amministrativa di questo governo regionale di destra non ha eguali. Prima si torna a votare, meglio è, per il bene dei calabresi, con la speranza che da qui alle elezioni questa sgangherata Armata Brancaleone non continui a fare danni irreparabili, ipotecando il futuro della nostra regione”, continua Irto.

“Non è solo una questione di forma, ma se ne pone una di sostanza: copiare la programmazione comunitaria di altri territori, vuol dire allontanarsi dalle reali esigenze del territorio calabrese, fornendo risposte fuorvianti e non adatte ai nostri contesti”, scrive ancora Irto. “Questo modo di fare politica non è accettabile a nessun livello ed e’ sintomo di una profonda mancanza di rispetto per i cittadini calabresi che dalla politica aspettano risposte concrete”, concluide.