fbpx

Calabria, De Magistris: “la Sanità non sembra più un diritto, è l’ora di cambiare”

Luigi de Magistris Foto di Ciro Fusco / Ansa

Il candidato presidente alla Regione Calabria Luigi de Magistris promuove l’idea di inserire le persone affette da demenza tra le categorie fragili aventi diritto al vaccino anti-Covid

“Innanzitutto c’è da fare un discorso a parte per quanto riguarda la Sanità in Calabria, debole e sofferente da trent’anni. La stiamo ricostruendo mattoncino per mattoncino in questi ultimi mesi insieme al prefetto Longo. Ma non siamo Batman e Superman”. È così che ha affermato, durante il suo intervento di ieri sera a Porta a Porta, il presidente facente funzioni della Regione Calabria Nino Spirlì, in risposta alla domanda di Bruno Vespa in merito alle vaccinazioni degli over80 in Calabria. A queste si sommano quelle di Luigi de Magistris“ospedali occupati o addirittura chiusi per insufficienze. In Calabria la salute non sembra più un diritto, poiché ‘ndrangheta e politica hanno fagocitato a man bassa”“Ma a preoccupare i cittadini – prosegue il candidato presidente alla Regione – sono anche le parole di Amalia Bruni, neurologa e scienziata di fama mondiale, direttrice del centro regionale di Neurogenetica di Lamezia Terme e Presidente Sindem”. “Le persone affette da demenza – dice – siano incluse tra le categorie fragili aventi diritto alla priorità per il vaccino Covid-19, indipendentemente dall’età anagrafica o dal grado di malattia”“Purtroppo – sottolineano in una nota congiunta la stessa Amalia Bruni, Gioacchino Tedeschi presidente Sin, Francesco Landi presidente Sigg, Ovidio Brignoli vice presidente Simg, Patrizia Spadin presidente Aima e Antonio Gaudioso segretario generale Cittadinanzattiva – nell’elenco delle patologie afferenti alla categoria 1 dedicata all’elevata fragilità, non sono contemplate le demenze quando proprio le persone affette da queste gravi patologie sono facili target per il virus: secondo l’Istituto Superiore di Sanità, infatti, circa un terzo delle donne e quasi un quinto degli uomini morti per Covid-19 avevano una storia di demenza. È necessario, quindi, non cadere nell’errore di ritenere che le vaccinazioni degli over 80, dei ricoverati in Rsa, dei disabili gravi ai sensi della Legge 104/1992, esaurisca la platea ancora vastissima delle persone con demenza, di fatto escluse dalla priorità di vaccinazione, e per le quali quindi di richiede l’inserimento in tabella 1”. “Le persone con demenza, non sono in grado di tollerare l’uso di dispositivi di protezione individuale, né li comprendono; faticano a sopportare l’isolamento sociale, il cambio di abitudini, le mutate relazioni. Da qui la fatica centuplicata dei caregiver, il peggioramento generalizzato dei pazienti, l’aumentato pericolo di contagio e l’obbligo ad una prigionia stretta”.

“In Calabria la sanità territoriale è ormai ridotta ai minimi termini. È tempo – conclude de Magistris – di invertire rotta”.