fbpx

A Reggio Calabria il seminario dal titolo “Il corpo della voce e la cura del canto che viene dal Brasile”

A Reggio Calabria il seminario dal titolo “Il corpo della voce e la cura del canto che viene dal Brasile” organizzato dall’Accademia delle Belle Arti

Potenti davvero le voci riunite venerdi19 per il seminario gratuito on line dalle 17 alle 19 “VOCI di resistenza culturale in tempo di pandemia”, ideato dall’antropologa Patrizia Giancotti per l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria, nell’ambito della Settimana della Cultura e delle attività del Laboratorio dello Stretto dell’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria. Sono quella della regista Emanuela Giordano che tanto ha lavorato sulla voce in teatro e ha presentato da poco il suo film già premiato “Il suono della voce”; quella calabro-universale, del poeta plurilingue Daniel Cundari, che porta in tutto il mondo l’arcaica modernità del “Repentismo Cutise”; quella di Katina Genero, che nei villaggi africani divenne Tubab, una danzatrice sulla via dei tamburi, facendosi prima messaggera in Italia di quei corpi sonanti; quella di Stefania Piccolo delle Officinae Efesti con il poetico progetto raccolto sul campo del primo lock down “Le vostre voci, la nostra storia”. Infine tutte le voci diventeranno quella di Shirley Krenak, che dal cuore del Brasile lancerà fino a noi il canto di cura e di resistenza del suo popolo. Per iscrizioni gratuite fino alle 16 e 30 http://www.accademiabelleartirc.it/infopoint/settimana-della-cultura-2021/.