fbpx

Reggio Calabria, Falcomatà è il Sindaco metropolitano più “povero”: ultimo in classifica, guadagna 22 volte in meno del dirimpettaio De Luca

falcomatà

Quanto guadagnano i Sindaci metropolitani: il primo cittadino di Reggio Calabria Giuseppe Falcomatà è in fondo alla classifica

Se il più ricco d’Italia, per netto distacco, è Cateno De Luca, il più “povero” tra i Sindaci metropolitani è Giuseppe Falcomatà. Il primo cittadino di Reggio Calabria, secondo quanto si legge nel report sul dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2019, guadagna in un anno 45.426 euro (circa 3.800 euro al mese) per i suoi incarichi da sindaco. Una cifra che risulta essere ben 22 volte inferiore a quella percepita dal dirimpettaio di Messina, e poco più della metà rispetto all’amministratore della città di Cagliari (che è penultimo) Paolo Truzzu. La netta differenza è messa in evidenza dal fatto che De Luca, nell’ultima dichiarazione presentata, ha giustificato circa 944mila euro derivanti da attività di “consulenza imprenditoriale, amministrativo-gestionale e pianificazione aziendale”, mentre “solo” 65.594 euro sono i suoi compensi da sindaco. Ecco di seguito la speciale classifica:

Cateno De Luca (Messina) 1.006.232 euro
Luigi Brugnaro (Venezia) 259.446 euro
Leoluca Orlando (Palermo) 244.762 euro
Marco Bucci (Genova) 193.399 euro
Antonio Decaro (Bari) 167.129 euro.
Virginia Raggi (Roma) 117.155 euro
Virginio Merola (Bologna) 115.394 euro
Giuseppe Sala (Milano) 109.491 euro
Chiara Appendino (Torino) 109.482 euro
Dario Nardella (Firenze) 103.436 euro
Luigi De Magistris (Napoli) 85.294 euro
Salvatore Pogliese (Catania) 83.650 euro.
Paolo Truzzu (Cagliari) 79.200 euro
Giuseppe Falcomatà (Reggio Calabria) 45.426 euro