fbpx

Reggina, Petrelli si presenta: “Qui la gente è calda, per me è una grande esperienza”

Elia Petrelli Reggina Foto Lillo D'Ascola/Reggina

Oltre a Crimi ed Edera, oggi è giorno di presentazione – in casa Reggina – anche per il nuovo giovane attaccante Elia Petrelli: le sue parole ai giornalisti

Prima grande esperienza, prima assoluta in B. Elia Petrelli ha fame e voglia di mettersi in gioco con la Reggina. L’ex attaccante della Juventus, girato poi al Genoa, è stato presentato questa mattina insieme a Crimi ed Edera. Queste le sue parole.

“Per me questa è una grande esperienza – dice – la prima. Sono molto contento di essere qua. Sono venuto in una squadra forte, mi hanno accolto bene. E’ un punto di partenza. Il mio compito sarà quello di dare una mano alla squadra, a livello personale invece quello di mettermi in mostra, farmi vedere. Sono un attaccante centrale a cui piace giocare il pallone. Condizione fisica? Sono stato fermo un po’ perché ho avuto una distorsione, ma sto recuperando e cercherò di essere presente per la partita di sabato”.

Quando la Reggina calcava i campi della Serie A, Elia Petrelli era piccolo, e non ricorda molto: “Negli ultimi anni in cui la Reggina era in A avevo 3-4 anni, ho pochi ricordi. Però qui la gente è calda, lo sto notando dai social. Siamo stati penalizzati dall’assenza di pubblico”.

Seppur per poco tempo e a distanza, Petrelli a Torino è stato a contatto con Andrea Pirlo, che una ventina d’anni fa compiva più o meno lo stesso percorso di Elia a Reggio Calabria: “No, non ho mai parlato con mister Pirlo di questa sua avventura qua, mi sono allenato poche volte in prima squadra. Non gli ho mai chiesto. Qui ci sono comunque grandi giocatori come Denis, Menez. Rubo qualcosina un po’ da tutti, soprattutto da German per caratteristiche”.

Reggina, Crimi e la chiamata di Taibi: “ho subito accettato”. E sui tifosi…

Reggina, che entusiasmo Edera! “Reggio è il posto migliore per mettermi in gioco, fondamentale la chiamata di Baroni”