fbpx

Reggina-Entella, Baroni: “Contento della prestazione, i calciatori ora mi mettono in difficoltà ed è la cosa più bella”

ascoli-reggina baroni

Le parole del tecnico amaranto Marco Baroni al termine della sfida del Granillo appena terminata tra Reggina e Virtus Entella

Si è concluso da poco il match del Granillo tra Reggina e Virtus Entella. Successo importantissimo per la troupe amara. Al termine della sfida, in remoto dalla sala stampa dello stadio, il tecnico amaranto Marco Baroni ha parlato coi giornalisti. Queste le sue parole.

Reggina, vittoria d’oro: basta un rigore di Montalto per superare l’Entella, la cura Baroni funziona

Serie B, la Reggina si allontana dalla zona playout: con una vittoria superate tre squadre, classifica aggiornata e prossimo turno

“Una partita non direi sofferta. Nicolas è stato bravo nella gestione delle uscite. E’ chiaro che dopo il gol nostro loro avevano poco da perdere. Hanno spinto, ci hanno lasciato campo e noi non abbiamo sfruttato delle transizioni. Ma l’importante era il risultato, ottenuto con una prestazione determinata e intelligente. Sapevamo che era una partita dove dovevamo essere pazienti, concedere poco. Nel primo tempo è stato così e abbiamo anche avuto la possibilità di raddoppiare. Io sono comunque contento della prestazione. Occorreva una partita così contro questo avversario: di voglia, di attenzione. Nel finale ovviamente si è rischiato ma loro buttavano dentro palloni e noi ci siamo difesi bene”.

Okwonkwo ha bisogno di una forma fisica stellare, lo stesso Edera è già alla terza partita ma non era abituato a questa continuità. I nuovi arrivati hanno qualità ma bisogna aspettarli e farli crescere, i risultati aiutano certamente. Dedica speciale per la vittoria? Sì, dedichiamo questa vittoria ad Andrea”.

“La squadra ha voglia, vuole tirarsi fuori da questa situazione. Ci sono gare ravvicinate ma va bene, l’importante è avere la capacità di soffrire, di stare concentrati, attenti, dentro la gara. Non abbiamo fatto niente, ci si mette alle spalle questa importante vittoria e da adesso si pensa alla prossima. La voglia di giocare da parte di tutti è tanta, nessuno vuole star fuori e il fatto che i calciatori mi mettano in difficoltà è la cosa più bella. Aspettiamo il rientro di qualche elemento, che in alcune gare ci possano dare energia, forza e idea sulla fascia”.

“La sofferenza? Non siamo da soli in campo. Quando si pensa che chi è in fondo può essere una squadra ‘facile’ si sbaglia. L’Entella è ordinato e poi ogni partita ha le sue insidie. Le forze fresche inserite a metà gara ci hanno consentito di gestire. German sta bene ed è entrato bene, così come Orji e Marco Crimi. C’è un gruppo di calciatori che si deve mettere a disposizione e accettare le scelte. Non si giocano le partite in 11-12″.

Reggina-Entella 1-0, le pagelle di StrettoWeb: Stavropoulos piacevole conferma, Montalto lottatore vero

Reggina, Gallo su Tempestilli: “ha deciso lui di dimettersi, non aveva più interesse”. E sul sostituto…

Reggina, Lakicevic ne è convinto: “a fine stagione saremo ai playoff”