fbpx

Ponte sullo Stretto, Siracusano adesso ci crede: “nessun veto dal governo Draghi, occasione da non perdere”

ponte sullo stretto

Matilde Siracusano guarda con ottimismo alla costruzione del Ponte sullo Stretto, con il premier incaricato Draghi “si può realizzare”

Il Ponte sullo Stretto tra Messina e Reggio Calabria è stato inserito nell’agenda del premier incaricato Mario Draghi. Il diktat del governo Conte, tutto basato tra assistenzialismo e bonus, è stato messo alle spalle. La visione dell’ex presidente della Bce è totalmente diversa, e questo lascia ben sperare il deputato Matilde Siracusano. La parlamentare messinese di Forza Italia ha scritto un post sui social in cui ha manifestato grande ottimismo: “I presidenti di Sicilia e Calabria, Nello Musumeci e Nino Spirlì, hanno presentato un documento condiviso per chiedere al nuovo governo di riavviare il progetto per la costruzione del ponte sullo Stretto di Messina. È il momento di rilanciare il Sud finalmente con un’opera che ci è stata negata ingiustamente per troppi anni. Non possiamo perdere anche questa occasione. Siamo fiduciosi sul fatto che con il governo Draghi non ci siano veti in Parlamento soprattutto da parte di chi ha sempre risposto con un “No” ideologico ad infrastrutture strategiche per il Paese”. E’ chiaro il riferimento al Recovery Fund, che garantirebbe i fondi necessari per la realizzazione di quello che, per siciliani e calabresi, è considerato un tabù.