fbpx

Morte Kasia Lenhardt, colpa degli hater social? La moglie di Hummels: “anche io ho pensato al suicidio…”

Morte Kasia Lenhardt, la colpa potrebbe essere degli hater sui social: la moglie di Mats Hummels svela di aver pensato anche lei al suicidio

La morte di Kasia Lenhardt, ex fidanzata di Jerome Boateng, continua a sconvolgere il calcio tedesco. La ragazza, con la quale il centrale del Bayern Monaco si era lasciato da poco più di una settimana, è stata trovata morta nel suo appartamento di Berlino. Boateng ha chiesto al Bayern Monaco, impegnato nel Mondiale per Club, di poter fare ritorno in Germania appena appresa la vicenda, richiesta ovviamente accolta. Si continua intanto ad indagare sulle possibili cause della morte che, secondo le prime ricostruzioni, sarebbe avvenuta con dinamiche simili a quelle del suicidio.

Notizia shock per Boateng, trovata morta la ex Kasia Lenhardt: i due si erano bruscamente lasciati da una settimana

Dunque, perchè Kasia Lenhardt si sarebbe suicidata? Probabilmente a causa degli insulti ricevuti attraverso i social dagli hater. A questo proposito, la moglie di Mats Hummels (compagno di Boateng nella Germania e nel Bayern Monaco), ha parlato di bodyshaming, cyberbullismo e altre problematiche legate ai social, svelando di aver pensato anche lei al suicidio: “sono scioccata e davvero triste. In passato anche io ho pensato di non voler più vivere. Non a causa del bullismo, ma della mia depressione. E posso dire una cosa: puoi suicidarti solo se sei in fondo. Voglio sollevare l’attenzione sul fatto che bisogna smetterla con questo odio, con il bodyshaming e il cybermobbing. Tutto ciò distrugge le persone. Mi dispiace tanto cara Kasha. Vorrei davvero averti scritto. Siamo entrambe nel mondo del calcio e so quanto possa essere brutale. Con quanti pregiudizi, invidia e risentimento ci si deve confrontare. La verità è spesso molto diversa. Posso gestirlo perché ho imparato molto dal mio passato ma molti falliscono. Kasia non ce l’ha fatta. Cara Kasia, ti prometto che lavorerò ancora di più contro questa m***a su Internet. Spero che tu riposi in pace e con un sorriso sul viso”.