fbpx

Cosa c’è dietro il malore di Sergio Mattarella: preoccupano le condizioni di salute del Capo dello Stato

sergio mattarella Foto di Filippo Attili / Ansa

Il malore accusato martedì da Sergio Mattarella e l’assenza di stamattina alla cerimonia in onore dell’ambasciatore e del carabiniere morti in Congo: fonti del Quirinale riferiscono si tratti di “un’indisposizione”, ma c’è preoccupazione per le condizioni di salute del Capo dello Stato

Preoccupano le condizioni di salute di Sergio Mattarella, assente questa stamattina alla messa presso la Basilica Santa Maria degli Angeli e Martiri a Roma per omaggiare, in rappresentanza dello Stato, l’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, vittime lo scorso 22 febbraio. L’assenza del Presidente della Repubblica è stata spiegata con generiche motivazioni di salute, “un’indisposizione” è quanto emerge da fonti ufficiali del Quirinale. Già ieri sera era emerso che ai funerali di stamattina, in rappresentanza del Capo dello Stato, ci sarebbe stato il presidente del Senato Elisabetta Casellati, la seconda carica dello Stato che sostituisce Sergio Mattarella in caso di necessità.

sergio mattarella inaugurazione anno giudiziarioMa come sta il presidente Mattarella? La notizia delle sue non buone condizioni di salute era emersa martedì quando, a causa di un disturbo vestibolare, ha dovuto annullare la sua presenza all’Aeroporto militare di Ciampino per il rientro delle salme degli italiani uccisi in Congo. Presenti all’evento c’erano, infatti, il premier Mario Draghi e i ministri della Difesa e degli Esteri Lorenzo Guerini e Luigi Di Maio. In quell’occasione, dal Quirinale avevano spiegato che il Capo dello Stato aveva avuto “un lieve malore”. “Il Presidente Mattarella è impossibilitato a muoversi per una labirintite”, hanno riferito in quelle ore le più autorevoli agenzie di stampa, citando l’ufficio stampa del Quirinale. La sua ultima uscita pubblica risale allo scorso venerdì 19 febbraio, in occasione dell’inaugurazione dell’Anno Giudiziario della Corte dei Conti.