fbpx

La precisazione di Rita De Lorenzo: “non faccio più parte di Tesoro Calabria”

La precisazione di Rita De Lorenzo: “non faccio più parte di Tesoro Calabria, è venuta meno la fiducia nel gruppo di Tansi”

“Da più parti ricevo continuamente sollecitazioni per manifestare la mia intenzione di candidatura, in questa tornata elettorale, nel Movimento Tesoro Calabria di Carlo Tansi. Infatti, sono in molti a contattarmi direttamente o sui social per chiedermi, come mai ancora non mi sia pronunciata in tal senso. Mi corre quindi l’obbligo, a questo punto, di chiarire la mia posizione informando sia i miei sostenitori che l’intero corpo elettorale di non far parte più del Movimento Tesoro Calabria“, è quanto scrive in una nota Rita De Lorenzo. “Infatti, ho fortemente creduto e condiviso il progetto politico impegnandomi a far conoscere il movimento (soprattutto a Reggio Calabria e provincia) ed infine presentando la mia candidatura a consigliere regionale nel 2019. Purtroppo, nel mentre il mio impegno diventava sempre più tenace, iniziavo a costatare all’interno del Movimento una sostanziale assenza di requisiti che ritengo indispensabili alla costruzione di un modello politico al quale da sempre aspiro. Mi riferisco alla totale assenza, all’interno di Tesoro Calabria, di Trasparenza, di Democrazia e di Coerenza. Il mio entusiasmo iniziale verso una politica “nuova” basata sulla chiarezza è stata completamente oscurata da atteggiamenti profondamente individualistici, contraddittori e totalmente privi di credibilità. E’ venuta meno la fiducia. Si è frammentato quel senso di appartenenza ad un Movimento che credevo potesse rappresentare la “novità”, “la via d’uscita” e che invece ha mostrato un carattere identitario cupo, fortemente egocentrico e privo di capacità di confronto. Come può, un progetto politico per la terra che amo, essere privo di credibilità e di trasparenza decisionale? No, grazie. Per la mia Regione aspiro ad un modello politico serio, attendibile, concreto in cui le regole di rinnovamento non disperdano mai coerenza e senso democratico”, conclude la nota.