fbpx

Governo Draghi, il punto sui vaccini anti-Covid: priorità agli insegnanti e tamponi rapidi agli studenti

Foto di EPA / Italian lower house press office handout / Ansa

Governo Draghi, la situazione sui vaccini anti-Covid: priorità agli insegnanti, tamponi rapidi agli studenti e miglioramenti nel piano vaccinale nazionale

Giorni di importanti viavai a Montecitorio a causa delle consultazioni fra il neo incaricato premier Mario Draghi e principali esponenti politici dei partiti italiani. Fra le tematiche più calde dei colloqui, oltre quella relativa alla scuola che potrebbe essere aperta anche in estate, c’è quella relativa ai vaccini. Il presidente del Consiglio, secondo ‘Repubblica’ avrebbe assicurato che a breve dovrebbero arrivare “novità positive” dall’Unione Europea per quanto riguarda i contratti con le ditte produttrici dei vaccini. Sul fronte interno invece, sarà necessario lavorare per migliorare la logistica e soprattutto in virtù della somministrazione rapida delle dosi. Secondo quanto è emerso dai colloqui con i primi parlamentari usciti da Montecitorio, Draghi avrebbe espresso la volontà di dare priorità per la somministrazione dei vaccini ad insegnanti e personale scolastico, mentre andrebbe implementato l’uso dei tamponi rapidi tra gli studenti.