fbpx

Governo, Draghi prepara la lista dei ministri: pronto a salire al Quirinale

mario-draghi Foto di Francesco Ammendola / Ansa

Atteso per oggi l’incontro tra il presidente incaricato Draghi e il Capo dello Stato Mattarella. L’ex banchiere sta per sciogliere le riserve

Forse ci siamo. Entro oggi, o domani al massimo, il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi dovrebbe salire al Quirinale, sciogliendo la riserva e dando vita al nuovo governo. C’è grande attesa tra i partiti per quella che sarà la squadra scelta dall’ex presidente della Bce. In queste ore molte ipotesi circolano sui possibili ministri, ma nessuna forza politica è stata ufficialmente contattata. Intanto i leader hanno iniziato a proporre nomi, sarà però il premier incaricato a comporre il nuovo esecutivo insieme al Presidente della Repubblica Sergio Mattarella. Il Movimento 5 Stelle indica Catia Bastioli (per la Transizione ecologica) o Luigi Di Maio. Salvini invece ha indicato Giancarlo Giorgetti (allo Sviluppo economico o ai Trasporti) e per i dem Dario Franceschini e Lorenzo Guerini. Una voce, quest’ultima, smentita dal segretario Nicola Zingaretti: “Il Pd non ha avanzato alcuna rosa di nomi per la composizione del governo per rispetto della Costituzione”.

Mario Draghi comunque è pronto, una volta sciolti gli ultimi nodi  si terrà la cerimonia del giuramento, già domani o al massimo domenica, e poi il voto di fiducia in Parlamento non prima di martedì: al Senato martedì appunto e mercoledì il bis alla Camera. “L’appello all’astensione l’avevo fatto io a tutto il centrodestra, proprio perché credo nella compattezza della coalizione. Ho detto e ripeto che faremo la valutazione sul voto alla fine, quando avremo la squadra e il governo, per ora non si sa nulla”, ha commentato la leader Fdi Giorgia Meloni ancora indecisa sul no o sull’astensione. Il toto-ministri dunque tiene tutti i partiti in bilico, si aspetta in queste ore la squadra completa.