fbpx

Draghi, Roy Biasi: “il sud merita attenzioni, la Lega spingerà per il Ponte sullo Stretto e l’alta velocità”

roy biasi

“La Lega mette sempre al centro gli interessi reali del popolo, siederà al tavolo con Draghi senza pregiudizi”: lo afferma in un comunicato Roy Biasi

“La Lega pensa che le elezioni siano il fondamento della democrazia, e quindi auspica che quanto prima il popolo italiano possa esprimersi sul proprio futuro. Al contempo, però, la Lega non rimane sorda all’appello del Presidente della Repubblica e si confronterà con il Presidente incaricato, prof. Mario Draghi, senza pregiudizi di sorta e guardando alle azioni concrete di Governo”. Lo ha dichiarato Roy Biasi, componente della Segreteria nazionale della Lega e responsabile degli amministratori del Sud Italia, nonché membro della segreteria regionale calabrese e sindaco di Taurianova. “La Lega, proprio perché partito pragmatico post-ideologico – precisa Roy Biasi –, mette sempre al centro gli interessi reali del popolo, delle aziende, dei lavoratori, degli artigiani, degli agricoltori e dei commercianti, dei professionisti, dei giovani e delle donne. Pertanto, ascolteremo con grande interesse e disponibilità le proposte che verranno dal professor Draghi al quale riconosciamo un curriculum di grande levatura, e come sempre in maniera unitaria ci muoveremo compatti nella direzione che verrà esplicitata dal segretario Matteo Salvini. La Lega è una, unita e forte, sicura di milioni di consensi reali che giungono da tutti i territori del Paese”.

Roy Biasi, che ha partecipato proprio in queste ultime ore alla riunione della Segreteria nazionale Lega, presieduta da Matteo Salvini, fa un commento anche sulla situazione del Mezzogiorno, auspicando che gli ingenti finanziamenti europei possano tradursi in azioni potenti di sviluppo atte al superamento degli annosi ritardi accumulati sul fronte delle infrastrutture primarie e dei servizi essenziali. “Il Sud – conclude Roy Biasi – anche grazie alla forte spinta della Lega, meriterà grande attenzione su scelte di natura strategica, a partire dal Ponte sullo Stretto di Messina, per passare all’alta velocità ferroviaria, alla statale jonica 106, all’elettrificazione della linea ferrata jonica, agli interventi per il dissesto idrogeologico, al sostegno reale alle piccole e medie imprese con le leve della decontribuzione, della sburocratizzazione e dell’abbattimento della pressione fiscale. Non appena l’emergenza Coronavirus lo consentirà, incontrerò, regione per regione, tutti gli amministratori leghisti meridionali per costruire una rete forte di sostegno alle grandi battaglie politiche che da anni conduce il nostro leader Matteo Salvini”.