fbpx

Coronavirus, Salvini non molla: “Parlare già oggi di Pasqua chiusi in casa è irrispettoso”. E si apre lo scontro con Zingaretti

Salvini e Zingaretti Foto di Massimo Percossi / Ansa

Scontro tra Matteo Salvini e Nicola Zingaretti in merito alle possibili nuove misure che il Governo adotterà per l’emergenza Coronavirus

Prosegue il dibattito tra “rigoristi” e “aperturisti” per quanto riguarda le nuove misure che il Governo adotterà in merito all’emergenza Coronavirus dopo la scadenza del Dpcm del 5 marzo. Oggi c’è stata la conferenza Stato-Regioni mentre domani verrà trasmessa la bozza dei provvedimenti. Il leader della Lega Matteo Salvini non molla la linea intrapresa e rilancia: “Serve buon senso, i sindaci di tutta Italia chiedono di riavviare alcune attività economiche che non comportano nessun rischio. Mi rifiuto di pensare ad altre settimane o mesi di chiusura e paura. Se ci sono situazioni locali a rischio si intervenga a livello locale ma parlare già oggi di una Pasqua chiusi in casa non mi sembra rispettoso degli italiani, ha detto in un punto stampa assieme ai viceministri e sottosegretari del Carroccio.

Lo stesso Salvini, poi, ha elencato le priorità utili al paese in questo momento: Salute, lavoro e ritorno alla vita. Salute vuol dire incontrare aziende farmaceutiche, cosa che fa un ministro leghista oggi pomeriggio per cominciare a produrre in Italia quello che non arriva all’Ue, pensate che oggi dal commissario hanno mandato gli aghi sbagliati in diversi ospedali per la somministrazione dei vaccini. Quindi bisogna riportare la salute al centro senza errori e ritardi. Lavoro vuol dire risolvere le tante crisi economiche che sono ferme, rottamare i milioni di cartelle esattoriali lavorando a una vera sera e definitiva pace fiscale. Queste sono le nostre due priorità su cui la squadra della Lega è già a lavoro. Poi è necessario stabilizzare gli insegnanti precari, occuparsi di pesca e agricoltura, sbloccare i cantieri e rimettere i disabili al centro, in campo vaccinale devono essere messi all’inizio della fila”.

Immediata la replica del segretario dem Nicola Zingaretti, che attacca: “Vedo che, sulla pandemia, Salvini purtroppo continua a sbagliare e rischia di portare fuori strada l’Italia – ha scritto su Facebook – Prima sono state le mascherine, che erano inutili, ora, cavalcando la stanchezza di tutti, si attaccano le regole per la Pasqua. Quello che è irrispettoso per gli italiani e gli imprenditori è mettere a rischio le loro vite. Buon senso e coerenza è avere una linea indicata dal governo e rispettarla. Così si sta in una maggioranza e si danno certezze alle persone. I problemi si risolvono, non si cavalcano”, avverte Zingaretti.