fbpx

Coronavirus, se la zona gialla non basta per ripartire. Il titolare del MYAD1 di Reggio Calabria: “si deve riaprire in sicurezza anche la sera, così non possiamo andare avanti” [FOTO E INTERVISTA]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Coronavirus, Calabria zona gialla: le parole del titolare del ristorante-pizzeria MYAD1 di Reggio

La Calabria è entrata in zona gialla da lunedì 1 febbraio e questo allentamento delle misure restrittive anti Covid ha consentito ai locali della ristorazione di tenere aperto a pranzo con il regolare servizio al tavolo e continuare con l’asporto dalle 18 alle 22. Questo piccolo cambiamento rispetto alla zona arancione però non è per tutti un segnale che dà frutti. La ripartenza è molto limitata soprattutto per i locali ristoranti-pizzerie che lavoravano particolarmente la sera e per cui, quindi, l’apertura a pranzo cambia ben poco.

Intervistato ai microfoni di StrettoWeb, Massimiliano Mancuso titolare di MYAD1 ristorante-pizzeria di Reggio Calabria, afferma con amarezza che la ripartenza in Calabria zona gialla in realtà non è una vera e propria ripartenza perchè un locale come il suo con 100 posti a sedere, rimane comunque chiuso a pranzo per il servizio che offre e la sera si lavora solo con l’asporto che è sempre molto limitato.

Mancuso afferma che la speranza da parte dei ristoratori è quella di una ripartenza vera che non sarà mai un liberi tutti ma quanto meno un simil ritorno alla normalità, in base alle procedure anti contagio già delineate la scorsa primavera dai protocolli ministeriali e che hanno consentito sei mesi di attività di ristorazione senza alcun aumento del contagio, con il dovuto distanziamento.

Infine, l’appello del titolare di MYAD1 si rivolge anche al Comune di Reggio Calabria a cui vengono chiesti migliori servizi dal punto di vista della spazzatura e dell’acqua che rientrano tra i servizi primari di ogni cittadino e che purtroppo in città latitano sempre più.

Calabria zona gialla, intervista a Massimiliano Mancuso titolare del ristorante-pizzeria MYAD1 di Reggio [VIDEO]