fbpx

Calabria: il commissario della Sorical ha incontrato il Presidente f.f. Nino Spirlì

/

Calabria: il commissario della Sorical Cataldo Calabretta ha incontrato il Presidente f.f. Nino Spirlì ed ha relazionato a Palazzo dei Bruzi a Cosenza, convocato dalla commissione Ambiente e dal consigliere comunale Vincenzo Granata

Un incontro cordiale e molto proficuo incentrato sul futuro della società partecipata dalla Regione: si è discusso dell’iter che entro poco tempo dovrà portare all’individuazione del gestore del servizio idrico integrato in Calabria. Il commissario liquidatore della Sorical, Cataldo Calabretta, ha incontrato nella sede della Regione il presidente f.f. della giunta Nino Spirlì mentre con il consigliere comunale Vincenzo Granata ha preso parte all’incontro indetto dalla commissione ambiente di Cosenza. “Il processo, oramai irreversibile, è imposto dall’Unione Europea quale prerequisito per ottenere i finanziamenti comunitari per gli investimenti nel settore idrico”. “La Regione – ha evidenziato il Commissario di Sorical al Presidente Spirlì – deve poter raccogliere l’opportunità che ha messo a disposizione l’Europa, attraverso il Recovery Fund, affinché si possa investire in un settore strategico come quello idrico”. “Una storia, quella di Sorical” che per Calabretta è stata “raccontata male in questi anni. L’impegno volge in un’unica direzione quella di rilanciare una società, gestore dei grandi acquedotti calabresi, e permettere così che diventi una società pubblica a tutti gli effetti. Sorical è una grande opportunità per la Calabria. Diventerà l’opera pubblica più importante della nostra Regione”, ha più volte ribadito il Commissario.

Cataldo Calabretta prosegue nella sua opera di corretta amministrazione. Nelle scorse settimane si è dato il via libera al documento contabile del 2019 e in pochi mesi con l’avvocato e docente universitario in veste di Commissario liquidatore si è iniziato ad intravedere un percorso di cambiamento nella gestione del settore Idrico. La stabilizzazione dei 27 operai, in scadenza di contratto, ha ricevuto la condivisione di tutte le sigle sindacali regionali. La Società Risorse Idriche Calabresi s.p.a. (So.Ri.Cal) è una delle caselle più prestigiose del sottogoverno regionale. Attualmente è una società mista a prevalente capitale pubblico regionale: (il 53,5% appartiene alla Regione Calabria; il 46,5% Acque di Calabria s.p.a. che è controllata dalla Multinazionale Veolia) a cui è stata affidata la gestione, il completamento, l’ammodernamento e l’ampliamento degli schemi idrici di grande adduzione, accumulo e potabilizzazione trasferiti alla Regione Calabria dalla disciolta Cassa per il Mezzogiorno nonché lo svolgimento del servizio idropotabile all’ingrosso in favore di tutti i comuni calabresi. Il settore idrico è nevralgico per la qualità della vita dei cittadini. “Sorical ha le potenzialità per dare una risposta qualificata alle loro aspettative, ci sono elevate professionalità e competenze, che possono essere utili alla Calabria ed ai calabresi. Un patrimonio di risorse umane che deve essere valorizzato sempre più”, ha ammesso il commissario Calabretta nominato nello scorso mese di settembre in quota Lega dalla governatrice Jole Santelli.