fbpx

Buffon, bestemmia in Inter-Juventus. Don Zampaglione: “rimango basito dal suo comportamento”

Buffon, bestemmia in Inter-Juventus. Don Zampaglione: “rimango basito dal suo comportamento. Ai giocatori dico: cercate di essere campioni non solo dal punto di vista calcistico ma anche con i vostri comportamenti”

“Durante la semifinale di coppa Italia contro l’Inter il portiere della Juve Buffon ( uno dei migliori in campo ) ha macchiato la sua partita in quanto ha bestemmiato e il tutto e’ stato ripreso e amplificato dai microfoni piazzati a bordo campo. In tempo di Covid ( visto l’assenza di pubblico) è più facile sentire i rumori e le parole dei calciatori“, è quanto afferma Don Zampaglione, parroco di Roghudi e Marina di San Lorenzo. “In quanto cristiano e poi prete e tifoso ( della squadra amaranto ) anche della Juve rimango basito del comportamento del signor Buffon ma di ogni professionista che a mio avviso deve dare il massimo in campo e anche fuori. Mi domando cosa pensano i tanti ragazzini o fans nel sentire un proprio beniamino bestemmiare o bisticciarsi o mandare a quel paese l’ arbitro o il proprio allenatore? Sappiate che i ragazzini di oggi emulano le vostre gesta e spesso anche i vostri comportamenti. Cercate di essere campioni non solo dal punto di vista calcistico ma anche con i vostri comportamenti. Un pensiero a parte lo merita la bestemmia ( parola facilmente usata spesso in diretta televisiva o sui social da vip, calciatori, politici, e non). La bestemmia e’ – passatemi questo termine un po’ forte- la “lebbra” del nostro tempo. E’ un parlare oltraggioso contro il Signore .Spesso la bestemmia e’ voluta e tante volte ci si fa riprendere per raggiungere un maggior numero di spettatori pensando chissa’ cosa si e’ fatto di eccezionale o importante. Come cristiano ( prima che prete) invito tutti ( calciatori, vip, politici ecc.ecc.ecc.) ad aver rispetto verso Dio, la Madonna ed i Santi. Essi vanno rispettati, pregati, amati e non bestemmiati. Spero in futuro tutti, si possano ravvedere e si cerchi di essere campioni sempre in campo e fuori e magari s’iniziasse a capire che la bestemmia e’ una gravissima malattia ma e’ anche un “virus” che contagia altre persone Iniziamo dunque a fare il tampone contro la bestemmia così da evitare il contagio”, conclude Don Zampaglione.