fbpx

Vincenzo Nibali, il 2021 è l’anno del riscatto: “Olimpiadi e Giro d’Italia per dimostrare chi sono. Vaccino? Lo faccio!”

Vincenzo Nibali Foto Getty /Bryn Lennon

Vincenzo Nibali fissa gli obiettivi per il 2021: dalle Olimpiadi al Giro d’Italia per dimostrare di essere ancora un campione. E farà il vaccino

Il 2020 di Vincenzo Nibali è stato un anno davvero complicato, il 2021 sarà quello del riscatto. Il ciclista siciliano si aspettava di più dalla scorsa stagione, ma fra limiti legati al Covid, calendario fittissimo di impegno e scarsa preparazione i risultati sono ben noti. Un pensierino al ritiro, in quello che è stato ‘l’anno dei giovani’, qualcuno lo ha fatto, ma non di certo lo ‘Squalo’. Quando sarà il momento prenderà lui la decisione, nessun altro.

Nibali punta forte sul 2021, con nuove motivazioni ed energie. Del resto le occasioni per far bene ci sono tutte. Primo obiettivo: cancellare la brutta immagine lasciata con il Giro 2020. “Il Giro sarà uno dei miei grandi obiettivi stagionali. – ha dichiarato NibaliSono convinto di poter tornare almeno a livello del 2019, quando finii appena un minuto e 5 secondi dietro la maglia rosa Carapaz. Al Tour invece andrò a caccia delle tappe, senza nessuna ambizione di classifica. Quest’anno cercherò di dedicarmi principalmente alla corsa rosa: abbiamo studiato con Guercilena una marcia di avvicinamento adeguata, il resto si vedrà. Il Giro, per me, ha sempre qualcosa d’interessante, è una gara dove può accadere di tutto fino agli ultimi giorni. L’avvicinamento al Tour avverrà in funzione dei Giochi: la corsa francese può dare continuità, come si è visto l’anno scorso. Andrò possibilmente a caccia di una vittoria di tappa e, in base alle disposizioni, potrei anche programmare un ritiro, concentrandomi poi su Tokyo“.

Vincenzo Nibali

Foto Getty /Bryn Lennon

Concentrandosi poi sulle Olimpiadi, slittate anch’esse a causa dell’emergenza Coronavirus, Nibali non può non fare riferimento a quella clamorosa caduta in Brasile che lo privò della medaglia d’oro. A Tokyo 2021 ci sarà un’altra grande occasione, probabilmente l’ultima, per ‘azzannare’ la medaglia del valore più prezioso. “Il percorso di Tokyo mi si addice, quindi è uno dei grandi obiettivi stagionali. – ha spiegato Nibali – Ripenso ai Giochi in Brasile e al fatto che, senza quella caduta, avrei ottenuto un risultato diverso. Mi fratturai la clavicola e quell’incidente mi mise fuori gioco. Bisogna accettarle, certe cose: magari all’inizio ci pensi, poi sempre meno“.

Immancabile l’augurio principale per la stagione 2021: superare definitivamente l’emergenza Coronavirus, anche grazie al vaccino. “Quello passato è stato un anno assai travagliato, molto particolare, speriamo che il Covid ci lasci in pace e faccia lavorare tutti – le sue parole -. L’anno scorso la sfortuna ci ha presi di mira: Ciccone è stato fermato dal Covid, Brambilla ha avuto qualche malanno, tutto è diventato più difficile. All’inizio della stagione era tutto okay, la squadra girava alla grande, poi ci siamo fermati e, quando siamo ripartiti, procedevamo a fari spenti. Speriamo di prendere meglio questo 2021. Vaccino? Non posso dire che vado di corsa a farlo, ma se è sicuro, testato, mi protegge, e aiuta me e la collettività lo farò, su questo non ci sono dubbi”.