fbpx

Vaccino anti-Covid, ecco come avviene la conservazione: in Sicilia arrivate le dosi per 160mila operatori sanitari [VIDEO]

vaccino anti covid pzifer biontech

I vaccini sono trasportati all’interno di scatole dotate di un dispositivo che ne garantisce la sicurezza, poi vengono conservati nei frigoriferi a meno 80 gradi

In Sicilia ha preso il via la campagna vaccinale contro il Coronavirus. Dopo i primi 700 operatori sanitari vaccinati nella tre giorni del Vax Day, tocca ai 160.000 medici, infermieri e personale ospedaliero e reparti Covid. “Sono convinto che gli operatori sanitari che fanno bene il loro lavoro accolgano con grande favore una vaccinazione che è nell’interesse della sanità pubblica e della salute di tutti i cittadini, quindi non ho dubbi che gli operatori sanitari si vaccineranno in massa tutti volentieri e lo faranno presto”, ha affermato uno dei medici del Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo ai microfoni di Sky Tg24.

Ben 55.000 dosi sono arrivate nell’ultimo giorno del 2020 nei centri di somministrazione in tutta l’isola e di queste 2.200 presso la struttura palermitana, trasportate all’interno di scatole dotate di un dispositivo che ne garantisce la sicurezza e poi conservate nei frigoriferi a meno 80 gradi. Questo dispositivo, che si chiama data logger, non ha fatto registra la temperatura durante il percorso, quindi permette nel momento in cui l’azienda manderà la mail di conferma che il trasporto è avvenuto sempre in maniera corretta, sempre mantenendo temperatura, di poter cominciare la somministrazione del vaccino.

Intanto dalla Sicilia emerge un dato interessante: la maggiore diffusione del vaccino anti influenzale ed il rispetto delle norme igieniche a cui il Covid-19 ci ha abituato ha quasi permesso di debellare la vecchia influenza. “Non era mai accaduto negli altri anni – continua il dottore – che a fine dicembre non avessimo nemmeno un caso di influenza accertato durante il periodo di sorveglianza che inizia a ottobre. Di solito abbiamo decine di casi di influenza già a dicembre, quest’anno nemmeno uno. Io penso che quest’anno l’influenza non dico che scomparirà, ma sarà certamente significativamente molto più bassa degli altri anni”.