fbpx

Scuole in Calabria verso la riapertura, il Tar pronto ad accogliere il ricorso dei genitori. Spirlì parla di complotto: “sono scandalizzato”

Spirlì calabria

In diretta Facebook il presidente f.f. della Calabria Spirlì mostra i fogli del ricorso al Tar. Visti i precedenti, tutto lascia presuppore all’accoglimento dell’istanza avanzata col ricorso e che quindi gli studenti calabresi, così come in tutte le Regioni d’Italia, torneranno in classe lunedì 11 gennaio

“Tuteleremo fino all’ultimo il diritto alla salute dei nostri ragazzi!”, inizia così la diretta Facebook del presidente facente funzioni della Regione CalabriaNino Spirlì. La sua ordinanza infatti ha rinviato in ritorno in classe degli studenti di scuole elementari e medie al 15 gennaio, delle superiori addirittura al 31 gennaio. Uno slittamento singolare (solo Campania, Molise e Puglia hanno agito in maniera simile) e per molti ingiustificato che ha spinto alcuni comitati genitoriali ad avanzare il ricorso al Tar per bloccare tale decisione. Molti uffici legali si sono già mossi ad intraprendere le azioni legali per conto delle famiglie, a partire dagli avvocati che avevano ottenuto il successo legale a novembre, Paolo Perrone e Nicola Cassano del foro di Paola.

Visti i precedenti, tutto lascia presuppore all’accoglimento dell’istanza avanzata col ricorso e che quindi in Calabria, così come in tutte le Regioni d’Italia, si tornerà in classe lunedì 11 gennaio o comunque, sulla base del calendario deciso dal Governo nazionale. “Sono scandalizzato. Questi sono i soliti genitori, quelli che dicono che tutti i nostri figli devono andare a scuola – bacchetta in diretta social Spirlì – , è l’ennesimo ricorso contro un’ordinanza che vuole soltanto tutelare la salute degli studenti e di tutti i loro parenti. Io sono scandalizzato e sono pronto a combattere fino all’ultimo secondo. I legali si occuperanno di questa vicenda, di un braccio di ferro. L’ordinanza non segue un mio punto di vista, ma l’indice Rt che segna 1,14 ed è in salita”.

Foto di Daniel Pockett/Getty Images

Spirlì si augura che “la magistratura sappia leggere le carte”, ma i precedenti hanno sempre dato ragione alle scelte del Governo centrale. Con la sentenza del 14 dicembre il Tar di Catanzaro accoglieva il ricorso dell’avvocato Giuseppe Pitaro e sospendeva anche l’ordinanza di chiusura delle scuole del Sindaco di Crotone, spiegando che “l’indiscriminata chiusura di tutte le scuole è una misura non proporzionata” alla situazione epidemiologica Regionale, che oggi è enormemente migliorata rispetto ad allora. Nella motivazione del Tar si leggeva che “le scelte operate a livello statale sono costantemente orientate nel senso di garantire la didattica in presenza dalle materne alla prima media anche per i territori caratterizzati da rischio più grave”, cioè le “zone rosse” che al momento sono lontani dall’attuale situazione epidemiologica regionale. Il Tribunale calabrese motivava anche che i pochi casi degli alunni risultati positivi “rappresentano un dato estremamente ridotto, senza dire che la causa del contagio sulla non è con certezza correlabile con la frequenza scolastica”.

“Andremo fino al Consiglio di Stato – ha concluso Spirlì – perché ci devono spiegare il motivo dell’accanimento, non contro di me, ma contro i giovani. Io sarò lì a difendere questa ordinanza perché è misurata al pericolo che si può correre. Ci sono alcuni paesi come Rosarno, Piscopio e Fabrizia che sono saturi, questo è il periodo in cui c’è la maggiore possibilità di contagio. Mi farebbe piacere venissero allo scoperto anche coloro che fanno ricorso, anziché nascondersi dietro il diritto alla privacy. Mi auguro che nessuno si ammali perché, come lo posso essere io, dovrebbero sentirsi responsabili anche altri”. A sentire queste parole sembra quasi che ci sia un complotto per far tornare i ragazzi a scuola, come fosse un dispetto nei loro confronti, ma non tiene conto dell’importanza delle lezioni in presenza e non si considera come non sia stata la scuola il motore della seconda ondata di contagi.