fbpx

Reggio Calabria: il Circolo Culturale “L’Agorà” ha organizzato un nuovo incontro da remoto sull’attore e regista statunitense Clint Estwood

Reggio Calabria: continua la programmazione in remoto del Circolo Culturale “L’Agorà” con una conversazione sull’attività del noto attore e regista Clint Eastwood che è una delle figure più celebri e rappresentative della cinematografia mondiale

Continua la programmazione in remoto del Circolo Culturale “L’Agorà” con una conversazione sull’attività del noto attore e regista Clint Eastwood che è una delle figure più celebri e rappresentative della cinematografia mondiale. Ospite del sodalizio organizzatore è stato Tonino De Pace, critico cinematografico e presidente del Circolo del cinema “Zavattini” che ha trattato il tema “Clint Eastwood. Il cinema scrive la storia”. Clint Eastwood nel corso della sua brillante carriera, sia come attore che come regista, è stato protagonista in oltre sessanta pellicole, dalle quali emerge la descrizione storica degli Stati Uniti d’America nelle eterogenee sfaccettature. Clint Eastwood è stato protagonista in oltre 60 film, nella sua carriera di attore e regista ed il filo conduttore che lega il suo percorso cinematografico è quello di raccontare il suo Paese nelle varie epoche, descrivendo i sentimenti che l’attraversano come l’amore, la vendetta, la difesa dei più deboli. L’America di Clint Eastwood è quella caratterizzata dal senso di appartenenza e quindi di attaccamento alla propria Nazione, dell’eroismo dei suoi figli, quindi elementi questi che fanno parte del background degli States. Pistoleri, soldati, poliziotti, queste alcune delle anime presenti nelle sue varie pellicole. Dalle prime comparse, al genere western, a quello di guerra, o poliziesco con l’ispettore Callaghan, le cui varie edizioni vennero ambientate nella sua San Francisco. I film biografici che raccontano altre storie americane come ad esempio “Bird” (la storia del sassofonista Jazz Charlie “Bird” Parker), “American Sniper”, (autobiografia della vita militare di Chris Kyle in Iraq). Nel rispetto delle norme del DPCM del 24 ottobre 2020 la conversazione è disponibile, sulle varie piattaforme Social Network presenti nella rete, da venerdì 8 gennaio.