fbpx

Reggio Calabria, arrestato il killer dei coniugi Cotroneo: è il cugino delle vittime, erano anche vicini di casa. Li ha freddati mentre raccoglievano le olive [VIDEO e DETTAGLI]

Reggio Calabria, omicidio Calanna: era il 9 dicembre scorso, quando i due coniugi sono stati attinti da 5 colpi di fucile, dopo essere stati colti di sorpresa mentre si dedicavano alla raccolta delle olive nelle campagne di San Basilio

Alle prime luci dell’alba, a conclusione delle indagini coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, diretta dal Procuratore Giovanni Bombardieri, i Carabinieri della Compagnia di Villa San Giovanni e del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad Ordinanza di applicazione di misura cautelare emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Reggio Calabria a carico di Francesco Barillà, ritenuto responsabile dell’ efferato duplice omicidio dei coniugi Cotroneo Giuseppe, cl. 62 e Musolino Francesca, cl. 69, verificatosi a Calanna circa un mese fa.

Le indagini, coordinate dal Procuratore Aggiunto Dottor Gerardo Dominijanni e dal Sostituto Procuratore Dottoressa Flavia Modica, sono state avviate fin dai primi momenti della notizia dello spietato delitto e hanno permesso di acquisire fondamentali ed imprescindibili elementi probatori: l’utilizzo dei tradizionali metodi di indagine, a partire da un accurato e dettagliato sopralluogo, l’escussione di testimoni, parenti, amici e conoscenti delle vittime, uniti ai risultati forniti dalla tecnologia più moderna, hanno permesso di far luce sull’evento.
Era il 9 dicembre scorso, quando i due coniugi, durante la mattinata, sono stati attinti da 5 colpi di fucile, dopo essere stati colti di sorpresa mentre si dedicavano alla raccolta delle olive nelle campagne di San Basilio a poche centinaia di metri dal Comune di Calanna. Fin da subito era apparso chiaro agli inquirenti un dettaglio: il responsabile non poteva essere lontano e conosceva molto bene le abitudini delle vittime.

Le immediate investigazioni avviate sotto il diretto coordinamento della Procura della Repubblica ricostruivano gli ultimi momenti precedenti agli omicidi. Gli accertamenti tecnici condotti dagli esperti dell’Arma del RACIS di Roma e del RIS di Messina hanno poi consentito di addivenire all’identità balistica del fucile semiautomatico sequestrato all’indagato e, dei bossoli che i Carabinieri avevano rinvenuto e repertato sulla scena criminis. Dall’analisi dell’arma del delitto è emersa l’esatta compatibilità con le tracce e le munizioni sequestrate durante il sopralluogo svolto dai Carabinieri specializzati del Nucleo investigativo di Reggio Calabria, addetti ai rilievi tecnici, fornendo un’ulteriore inconfutabile prova sull’identificazione del reo.

Una task- force scesa in campo, composta da Magistratura, militari dell’Arma reggina e non da meno dalla cittadinanza locale, che ha determinato il successo di un attento lavoro di squadra: l’approfondita conoscenza del territorio e delle persone del posto da parte dei Carabinieri della Stazione di Calanna, l’attenta attività di analisi e confronto tra varie deposizioni contrastanti rese da diversi testimoni, perenti o amici delle vittime condotta dai militari dell’Arma sotto la costante direzione dell’Autorità Giudiziaria, hanno permesso di ricostruire l’esatta dinamica dell’evento criminoso.

Determinante è risultato anche l’accurato riscontro dei filmati estrapolati dalle telecamere di videosorveglianza, presenti nelle vicinanze, che hanno permesso di ricostruire i movimenti effettuati dall’omicida. Tutti gli elementi raccolti hanno pertanto consentito al GIP di Reggio Calabria di accogliere la richiesta della Procura della Repubblica di emettere l’odierno provvedimento restrittivo nei confronti del 65enne, proprio il cugino delle vittime e loro vicino di casa che è stato associato al Carcere di Reggio Calabria – Arghillà.

Reggio Calabria, duplice omicidio a Calanna: il figlio delle vittime incrociò l’omicida

Il procuratore capo di Reggio Calabria, Giovanni Bombardieri racconta parte dell’omicidio della coppia di Calanna confermando con il delitto sia avvenuto “proprio mentre il figlio della coppia si era allontanato, in quanto non era lui l’obiettivo dell’omicida“. In manette è finito un cugino delle vittime, F. B.. A dare la certezza della sua colpevolezza ai carabinieri del comando provinciale e della Compagnia di Villa San Giovanni è l’indagine tecnica eseguita sul fucile ritrovato in casa del presunto omicida. “La perfetta corrispondenza fra i bossoli ritrovati sul luogo del delitto ed il fucile – ha spiegato il procuratore – ci ha consentito di dimostrare la responsabilità“. Nell’inchiesta entrano anche le testimonianze del figlio della vittima il quale incontrò l’omicida nei momenti successivi al fatto e, alla richiesta di aiuto, si sentì rispondere: “Vado a posare il fucile e torno“. Una dichiarazione che ha in insospettito il giovane. I successivi sopralluoghi, come confermato dal procuratore aggiunto Gerardo Dominijanni, hanno consentito di raccogliere elementi utili a cristallizzare le responsabilità di B.. “La vicenda riguarda rapporti di vicinato, di parentele, rancori pregressi che, mano a mano, hanno trovato sfogo in una vicenda banale come può essere quella della raccolta delle olive da parte delle vittime, in un terreno confinante con quello dell’omicida“.

Reggio Calabria, duplice omicidio a Calanna: arrestato il responsabile, le immagini [VIDEO]