fbpx

Reggina, Tempestilli: “Sono innamorato di Reggio, non sono qui per soldi. Troppa esaltazione e depressione, più che a Roma”

tempestilli Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Il direttore generale della Reggina Antonio Tempestilli ha affrontato tantissimi argomenti ai microfoni dei canali ufficiali: dal rapporto con Taibi e il presidente al recupero degli infortunati

Mai banale e, come sempre, diretto, chiaro e pungente. Ogni volta che Antonio Tempestilli parla, non lo fa mai per caso. Il direttore generale del club amaranto, a Reggina Tv, ha affrontato tantissimi argomenti. Questo il suo intervento integrale.

I TIFOSI E IL RAPPORTO CON LA CITTA‘ – “I tifosi sono la parte più bella e sana di questo sport. Il rapporto tifosi-squadra qui è simile a Roma, per certi versi anche più accentuato. E questo è piacevole. Le difficoltà attuali del calcio in generale le conoscono tutti, le società devono fare di necessità virtù sbagliando il meno possibile. Le scelte si fanno e si sbagliano. Io sto bene a Reggio, mi sono innamorato della città e dei tifosi, voglio vederli gioire. L’eccesso che c’è e che noto qui, di esaltazione o depressione, è evidente, chiedo magari di guardare le cose con un occhio diverso. Qui c’è questo malcostume. Quando sono arrivato, le persone hanno iniziato ad etichettarmi senza conoscermi. Credo che sia fondamentale che si remi tutti dalla stessa parte. Io starò qui un anno, due anni, mi auguro anche di più – fermo restando il momento attuale difficile – ma sto benissimo”.

L’ASPETTO ECONOMICO  – “Non ho bisogno di arricchirmi con la Reggina, non è nelle mie intenzioni. Se chiedete in giro sono uno tra i direttori generali che prende meno di tutti, il presidente mi aveva chiesto un adeguamento dello stipendio ma io non l’ho voluto, non sono qui per soldi e non ne faccio una questione economica. Sono qui perché voglio far bene e se non ci riuscirò vuol dire che ho fallito e domattina vado via, a Roma ho una casa bellissima, una bella famiglia e delle splendide nipotine”.

L’OBIETTIVO – “L’obiettivo è quello di arrivare il più lontano possibile, tra cui la Serie A, non possiamo non dirlo. Non è detto che avvenga in questa stagione, ma la nostra ambizione deve portarci a guardare sempre avanti e puntare al massimo”.

Calciomercato Reggina, Tempestilli: “Non siamo interessati a Ceravolo, se arriva siete autorizzati a sputarmi in faccia”

Reggina, Tempestilli: “Infortunio Menez? Tiratina d’orecchie… Ecco la situazione sugli altri acciaccati e il mio rapporto con Taibi”

Calciomercato Reggina, l’agente di Mastour e Menez a StrettoWeb: “Diverse richieste per Hachim, il club vuole valorizzarlo. Su Jeremy…”