fbpx

Reggina, prime prove di formazione: tra ritorni dagli infortuni e nuovi acquisti, i dubbi di Baroni

baroni reggina

Due giorni a Reggina-Lecce, 12 giorni dopo la beffa di Ascoli: i dubbi di formazione di mister Baroni tra i movimenti di mercato e i ritorni dagli infortuni

La Reggina torna in campo. La sosta seguita al pesante tour de force ha permesso a Baroni di dare qualche giorno di respiro ai suoi e preparare finalmente una partita con almeno una settimana a disposizione, visto che fin dal suo arrivo si è giocato ogni tre giorni. In più, sono tornati disponibili Menez, Faty e Charpentier (ma si è fermato Crisetig) e si sono aggiunti al gruppo i due nuovi acquisti Micovschi e Nicolas.

Chi arriva, chi va via, chi è in bilico, chi è infortunato ma non al meglio: i dubbi di Baroni

Proprio per questo, è tanta la curiosità nel capire se e chi il tecnico utilizzerà sabato. Di certo c’è che chi è ritornato dall’infortunio, incluso Denis che oggi è tornato a svolgere l’intera seduta coi compagni, non verrà rischiato dal primo minuto, mentre c’è da valutare la condizione di Micovschi (che non gioca da un anno) e di Crisetig, che probabilmente non sarà della partita. Tra mercato, chi va, chi viene, chi è in bilico, chi non è al massimo e chi non può essere rischiato, Baroni si trova a dover far fronte con una situazione non semplice, come lui stesso aveva affermato lunedì sera a Reggina Tv.

Le prime idee e prove di formazione: il sostituto di Crisetig e il nodo portiere

Da qui l’impressione che l’allenatore non vada a rivoluzionare più di tanto lo schieramento e gli elementi in vista del match di sabato. La tentazione è tanta, ma il rischio di mandare in campo gente non ancora in condizione è dietro l’angolo e la Reggina – che ha già pagato in questo senso (con Menez soprattutto) – non vuole farsi fregare di nuovo. Tra i nuovi arrivi, non è da escludere un utilizzo di Nicolas – lui sì – dal primo minuto. E’ arrivato oggi ma – anche se ha giocato pochissimo negli ultimi due anni e mezzo – si è sempre allenato e il suo ruolo non gli impone di ritrovare il ritmo partita, la corsa e il fiato. L’altro vero dubbio è legato al sostituto di Crisetig. Il candidato principale a a prendere il suo posto è De Rose, considerando l’utilizzo di Folorunsho più avanti ed escludendo Faty (almeno dal primo minuto) e Marcucci. Qualora invece l’italo-nigeriano dovesse essere arretrato, da capire chi potrebbe sostituirlo sulla trequarti, considerando che Menez e Charpentier non verranno rischiati.

Reggina-Lecce, i convocati giallorossi: assenze importanti per Corini

Serie B, gli arbitri della 18ª giornata: per Reggina-Lecce c’è Volpi, un solo precedente con gli amaranto