fbpx

Operazione “Solstizio d’Inverno”, controlli nel settore agroalimentare: denunciate 3 persone, sequestrate 90mila uova

sequestro uova

Sequestrate 89.484 uova nell’ambito dell’operazione “Solstizio d’Inverno” per provenienza mendace e data di scadenza fraudolentemente procrastinata

Tra dicembre e gennaio, nel territorio nazionale, i Reparti Tutela Agroalimentare (RAC), con il concorso dei Nuclei Investigativi di Polizia Ambientale Agroalimentare e Forestale (N.I.P.A.A.F.) e delle Stazioni dei Gruppi Carabinieri Forestali, hanno ispezionato 35 aziende del settore agroalimentare, mirando alla circolazione di cibo sano e sicuro, in un periodo nel quale la richiesta di alimenti di prima necessità nelle famiglie è notoriamente accentuata.

Nel corso dell’attività sono stati conseguiti i seguenti risultati:

  • riscontrate 19 imprese irregolari;
  • contestate sanzioni per 106.000 euro;
  • impartite 3 diffide ad adempiere per violazioni sanabili sull’etichettatura e la rintracciabilità degli alimenti;
  • bloccata la commercializzazione di 136 kg di Parmigiano Reggiano DOP , poiché riportante indicazioni in etichetta non ammesse dalla norma;
  • sequestrati 56 kg di salumi vari per carenza di rintracciabilità;
  • sequestrate 89.484 uova poiché riportanti provenienza mendace e data di scadenza fraudolentemente procrastinata, denunciato il titolare di un’azienda avicola per frode in commercio (art.515 c.p.).

Nel corso delle verifiche sono state denunciate due persone per attività di gestione e combustione  di rifiuti non autorizzata (artt. 256 e 256 bis,  dlgs 152/2006).