fbpx

Olimpiadi Tokyo 2021, l’Italia rischia l’esclusione. Meloni e Calenda all’attacco: che Paese può tollerare uno schifo del genere?

Olimpiadi Tokyo 2021, l’Italia rischia l’esclusione da parte del Cio: Giorgia Meloni e Carlo Calenda attaccano duramente il governo

Mercoledì alle 17:30 il CIO comunicherà l’esclusione dell’Italia dalle Olimpiadi di Tokyo 2020. L’attuale riforma dello sport, varata dal governo Lega-M5S, ha tolto al CONI la propria autonomia rispetto allo Stato, requisito imprescindibile per partecipare ai Giochi Olimpici. L’Italia, nonostante le numerose sollecitazioni da parte del presidente del CIO, Thomas Bach, non ha posto rimedio a tale problema e adesso potrebbe essere troppo tardi. Un decreto potrebbe ancora salvare la situazione, ma è frenato dalle tempistiche della burocrazia. Rischiamo seriamente di vedere Federica Pellegrini, alla sua ultima Olimpiade della carriera, gareggiare senza Inno di Mameli, senza bandiera Tricolore e come ‘atleta indipendente’ e non ‘atleta italiana’. Un’onta incancellabile, una figuraccia storica.

Dalla politica sono arrivati messaggi di forte condanna della situazione. Giorgia Meloni ha fatto il punto su Facebook con un post che ha riassunto il caos dell’attuale giornata governativa partendo dal caos delle Olimpiadi ed arrivando alle dimissioni del Premier Conte:

Bollettino Lunedì 25 gennaio:
– L’Italia rischia di essere esclusa dai giochi olimpici di Tokyo 2021.
– Le imprese sono in ginocchio e i ristoratori manifestano in piazza.
– L’Europa bacchetta l’Italia per i ritardi sul Recovery Fund.
– Emerge un buco da quasi 16 miliardi di euro nei conti dell’Inps.
– Un milione e duecentomila lavoratori sono ancora in attesa della cig che non arriva.
Cosa fa il Governo davanti a tutto questo? Passa l’intera giornata a occuparsi di beghe di Palazzo.
Conte sì, Conte no, Conte ter. Dimissioni sì, dimissioni no, dimissioni domani.
L’Italia non si merita questo schifo“.

Alla leader di FdI ha fatto eco Carlo Calenda, fondatore del partito ‘Azione’ che, sempre attraverso i social, ha espresso un quesito che lascia spazio a poche interpretazioni: “Italia senza bandiera alle Olimpiadi per i giochini di potere di un gruppo di incapaci. La domanda da porsi è in quale altro paese del mondo potrebbe capitare una cosa del genere e in quale verrebbe tollerata“.