fbpx

Messina, attesa per l’ordinanza di De Luca: “la zona rossa di Musumeci è farlocca. Io chiudo tutto, anche la scuola”

messina de luca piazza duomo

L’ordinanza del Sindaco De Luca prevede misure molto più stringenti rispetto alla zona rossa nazionale e regionale: ecco cosa cambia per i negozi e le scuole

L’ha annunciato il Sindaco Cateno De Luca, in queste ore emanerà l’ordinanza per il lockdown a Messina. Non bastano le misure della “zona rossa” imposte dal Governo nazionale e regionale, per riprendere in mano la situazione e tornare ad operare bene col tracciamento dei contagi sono necessarie regole molto più stringenti. “Noi stiamo già preparando la nostra ordinanza per ulteriori restrizioni in zona rossa in attesa che venga pubblicata l’ordinanza del presidente Musumeci appena annunciata ieri sera con un video messaggio presidenziale. Da quello che abbiamo capito Musumeci intende attuare in Sicilia una zona rossa farlocca lasciando aperto tutto e, udite udite, apprendo anche le scuole dell’infanzia, le elementari e la prima classe delle medie, tenute invece chiuse fino ad oggi che siamo zona arancione compresi i comuni dichiarati zona rossa”, ha affermato in una nota De Luca.

L’ordinanza, dunque, che era stata revocata, adesso è pronta a tornare in vigore. “Nella speranza che Musumeci – aggiunge il Sindaco – si metta d’accordo con se stesso io vi anticipo che a Messina: la prossima settimana (18 – 24 gennaio) sarà tutto chiuso tranne generi alimentari, farmacie ed assimilati, edicole, tabacchi, servizi ed uffici pubblici e privati qualificati di pubblica utilità; la successiva settimana (25 – 31 gennaio) aperture graduali e limitate tranne totale apertura per generi alimentari, farmacie ed assimilati, edicole, tabacchi, servizi ed uffici pubblici e privati qualificati di pubblica utilità. Le scuole riapriranno dall’1 febbraio se l’andamento epidemiologico sarà rientrato negli standard medi nazionali”. Si resta in attesa del documento ufficiale, è sicuro che per i cittadini messinesi sarà ancora settimane di sacrificio.