fbpx

Lutto nel mondo della musica: morto il famoso dj Riccardo Cioni

riccardo cioni

Era risultato positivo al Covid-19, ma la famiglia ha precisato che non è una delle cause del decesso

E’ morto all’ospedale di Livorno, dove era ricoverato dopo aver contratto il Covid-19, Riccardo Cioni, 66 anni, uno dei deejay toscani più famosi. Ad annunciarlo una sua collaboratrice. Cioni aveva iniziato la sua carriera negli anni ’70 e ha continuato a essere uno dei deejay più contesi da locali e feste all’aperto in Toscana e nel resto d’Italia. Nel corso della sua carriera era riuscito a farsi conoscere anche a livello nazionale in trasmissioni tematiche, quali ad esempio ”Discoring”. Tra le sue produzioni e più conosciute spiccano ”In America”, ”Fog” e ”Arizona”. Sono già tantissimi i messaggi di cordoglio apparsi sui social.

Il decesso è avvenuto nel reparto di terapia intensiva dopo un intervento d’urgenza per patologie non riconducibili al Coronavirus, come precisato dalla famiglia. “Strappato dai propri affetti familiari, a causa di breve ed improvvisa malattia non collegata alla recente epidemia, in data odierna alle ore 12.00, è venuto a mancare Riccardo Cioni”, hanno scritto in un post su Facebook la moglie, il figlio, i cognati e i nipoti. Il giorno di Natale, sulla sua pagina Facebook, Cioni aveva scritto: “Volevo esprimere i miei più sentiti ringraziamenti ai medici, infermieri e volontari del 2° Padiglione dell’Ospedale di Livorno per l’impegno, la professionalità, la dedizione e la cortesia dimostrata in questi giorni. Con la promessa che, quando l’emergenza Covid sarà alle spalle, organizzerò un evento per ringraziarvi personalmente. Buon Natale e l’Augurio di Felice Anno nuovo”.