fbpx

Difficoltà economiche per Suning: la famiglia Zhang potrebbe essere costretta e vendere l’Inter

Foto Getty / Emilio Andreoli

Difficoltà economiche per Suning accentuate dalla pandemia di Coronavirus: la famiglia Zhang potrebbe essere costretta a vendere l’Inter

Le difficoltà economiche di Suning potrebbero costringere la famiglia Zhang a vendere l’Inter, le cui spese rischiano di diventare insostenibili. Già dal 2019 Suning Real Estate mostrava le prime criticità con debiti cresciuti del 47%. Come spiega ‘Il Corriere dello Sport’, il gruppo ha smentito le voci riguardanti presunte difficoltà nel pagamento dei bond, ma negli ultimi 6 mesi le azioni hanno raggiunto il minimo storico perdendo il 40%. Difficoltà accentuate enormemente dall’epidemia di Coronavirus che ha ridotto le entrate economiche anche in Cina, nonostante il gigante asiatico sembra essersi messo alle spalle la parte più dura della pandemia. Suning.com segna perdite per 153 milioni di dollari nei primi 9 mesi del 2020, con vendite in calo e flusso di cassa negativo a cui aggiungere i guai del comparto immobiliare.

Cosmin Olaroiu, allenatore del Jiangsu Suning, squadra campione di Cina gestita proprio da Suning, sarebbe pronto a rivolgersi alla FIFA per il mancato pagamento di alcuni stipendi. La Premier League ha citato l’emittente di Zhang per 180 milioni dopo la rottura del contratto per i diritti in Cina, menter anche nel pagamento dei diritti della Serie A (acquistati da Suning) ci sarebbero delle difficoltà. Visti questi problemi, gestire economicamente un business costoso come l’Inter, ma comunque ben lontano dalla Cina e dagli interessi della società asiatica, potrebbe risultare insostenibile.