fbpx

Coronavirus a Reggio Calabria, la denuncia di un cittadino: “mio cognato rischia di morire per un mancato ricovero, l’Asp non ha dato assistenza domiciliare” [VIDEO]

  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
  • Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
    Foto StrettoWeb / Salvatore Dato
/

Il cittadino racconta le diverse chiamate al 118: il cognato è stato trasportato al Gom di Reggio Calabria solo quando le sue condizioni erano disperate

Ha voluto metterci la faccia un cittadino di Reggio Calabria perché la storia di suo cognato possa rimanere soltanto un caso isolato. Con una denuncia video ai microfoni di StrettoWeb, M. M. vuole mettere in luce quello che, secondo quanto appreso dalle sue affermazioni, è un’inefficienza del servizio di prevenzione e soccorso garantito dall’Asp reggina e dal 118. Come raccontato alla nostra emittente, il parente di 35 anni, positivo al Coronavirus, non sarebbe stato ricoverato nonostante l’aggravarsi delle sue condizioni di salute: “febbre a 40, nero in viso, sembrava quasi morto. Solo alla terza occasione l’ambulanza lo ha trasportato in ospedale per il ricovero. Segnalo anche che l’Asp non è mai passata da casa né per garantire assistenza domiciliare e né per eseguire i tamponi ai miei suoceri, soggetti a rischio, che vivono nella medesima abitazione”. Di seguito il link per il VIDEO di segnalazione.

Reggio Calabria, un cittadino denuncia: “le inefficienze di Asp e 118 rischiano di far morire mio cognato malato di Covid” [VIDEO]