fbpx

Calciomercato Reggina, ecco l’ufficialità: Claudiu Micovschi è un nuovo calciatore amaranto

micovschi reggina ufficiale

Calciomercato Reggina, mancava solo l’ufficialità di un’operazione già praticamente definita: Claudiu Micovschi è un nuovo calciatore amaranto

Praticamente lo era già nei fatti, con la firma effettiva sul contratto, ma adesso lo è anche formalmente: la Reggina ufficializza sui propri canali l’arrivo di Claudiu Micovschi in prestito via Genoa. Il romeno classe ’99, l’anno scorso all’Avellino con Charpentier, è il primo movimento in entrata del club dello Stretto di questa sessione invernale di calciomercato. Di seguito la nota ufficiale.

“Il presidente Luca Gallo e la Reggina comunicano di aver acquisito le prestazioni a titolo temporaneo del calciatore Claudiu Micovschi dal CFC Genoa. L’esterno romeno si trasferisce in riva allo Stretto sino al 30 giugno 2021. La conferenza stampa di presentazione di Micovschi è fissata per domani, mercoledì 13 gennaio, alle ore 15. Ai colleghi giornalisti sarà inviato un link per partecipare in remoto.

Nato a Oradea, città capoluogo del distretto di Bihor (Romania), il 19 maggio 1999, Claudiu muove i primi passi tra le fila del Luceafărul Oradea. Nel 2015 viene ceduto in prestito al Chievo, con il quale disputa un campionato giovanile. Nella stagione 2016/17 fa la spola tra Under 17 e Primavera del Genoa, mostrando importanti doti atletiche. Nelle due annate successive Claudiu ben si disimpegna nella catena di sinistra, mettendo in luce una buona attitudine al gol. La scorsa stagione è quella dell’esordio tra i professionisti con la maglia dell’Avellino. In 35 apparizioni tra Campionato e Coppa Italia C, Claudiu realizza 5 reti e sforna 7 assist. A luglio torna a Genova a disposizione di mister Maran prima e Ballardini poi, senza però esordire.

Da oggi Claudiu è un calciatore amaranto. A lui va un caloroso benvenuto nella famiglia amaranto!”.

Reggina, chi è Claudiu Micovschi: dall’idolo Bale a quel provino con l’Arsenal… [VIDEO]

Reggina, Eziolino Capuano: “Vi racconto Charpentier e Micovschi”