fbpx

Calabria, ‘Ndrangheta: sequestro beni per 1 milione a imprenditore di Vallefiorita, attualmente detenuto [NOME e DETTAGLI]

Calabria: sequestro beni nei confronti di imprenditore 42enne di Vallefiorita (Catanzaro) attualmente detenuto

La DIA ha proceduto al sequestro beni, per un valore di circa 1 milione di euro, nei confronti di Luciano Babbino, imprenditore di Vallefiorita (CZ) attualmente detenuto, 42 anni, condannato in primo grado nel 2019 a 12 anni di reclusione per partecipazione, con ruolo verticistico, ad associazione di tipo mafioso.
Secondo gli inquirenti, l’uomo appartiene ad una cosca di ‘Ndrangheta operante nei territori di Vallefiorita, Amaroni e Squillace, gravitante sotto l’influenza delle “locali” di Cutro e Isola di Capo Rizzuto (Kr). Il provvedimento, disposto dal Tribunale di Catanzaro ed emanato in accoglimento di una proposta formulata dal direttore della Dia, è frutto di indagini patrimoniali condotte dalla sezione catanzarese della Direzione investigativa antimafia, che avrebbero permesso di dimostrare la pericolosità sociale del destinatario e la rilevante sproporzione tra i redditi dichiarati ed il patrimonio a lui riconducibile, da ritenersi frutto o reimpiego dei proventi di attività illecite.
Il sequestro comprende 2 società attive nei settori della ristorazione e della tinteggiatura e posa in opera di vetri, un’associazione culturale, 10 immobili tra i quali 3 terreni, un motociclo, un’autovettura, nonché rapporti bancari e disponibilità finanziarie, per un valore complessivo stimato in circa 1 milione di euro.