fbpx

Reggio Calabria: Vox Italia chiede al Prefetto l’annullamento del risultato elettorale delle elezioni comunali

elezioni comunali reggio calabria 2020 Foto StrettoWeb / Salvatore Dato

Il Circolo Vox Italia di Reggio Calabria, a seguito delle gravi notizie di brogli elettorali nelle ultime elezioni comunali, si è riunito per un confronto politico e definire quali azioni realizzare per vedere tutelato il diritto di espressione dei cittadini

“Il Circolo Vox Italia di Reggio Calabria, a seguito delle gravi notizie di brogli elettorali nelle ultime elezioni comunali, si è riunito per un confronto politico e definire quali azioni realizzare per vedere tutelato il diritto di espressione dei cittadini. Il circolo presentava 7 candidati nella lista Identità Reggina con Angela Marcianó Sindaco. Il confronto ha avuto come base le notizie emerse dai media locali e nazionali, e quanto dichiarato dal Dott. Bombardieri, Procuratore Generale di Reggio Calabria“. E’ quanto scrivono in una nota il presidente del Circolo di Vox Reggio Calabria, Arch. Francesco D’Agostino ed il coordinatore regionale, dott. Giuseppe Modafferi.Dalla suddetta analisi emergono gravi irregolarità nella realizzazione dei valori democratici e nella espressione della volontà popolare, atti gravi che di fatto delegittimano l’attuale Consiglio Comunale e che ledono gravemente il rapporto tra i cittadini e le istituzioni locali. Per tale motivo all’unanimità si è deciso di chiedere l’intervento del Prefetto di Reggio Calabria come organo istituzionale preposto alla garanzia della regolare costituzione degli organi elettivi e del loro funzionamento al fine di avviare con urgenza le azioni di annullamento del viziato risultato elettorale e poter dar seguito a nuove elezioni in un clima di recuperata fiducia nelle Istituzioni e con rigidi controlli che evitino il riproporsi dei brogli evidenziati nelle ultime elezioni. La richiesta è avvenuta via PEC inviata per conoscenza al Ministero degli interni – Dipartimento per gli affari interni e territoriali. Di seguito alcuni punti rilevanti della richiesta inoltrata al Prefetto. I fatti messi in atto da Castorina sono estremamente gravi, a prescindere se costituiscono reato, di fatto si è costruito un “sistema preordinato” che ha “turbato” il regolare svolgimento della competizione elettorale, non si possono aspettare i tempi affinché la Giustizia si esprima per un buon Governo della città, esiste un grave problema morale, politico e di fiducia. Non si può lasciare amministrare la città, la quale richiede per le sue complessità, trasparenza, onestà e fiducia della cittadinanza, con queste gravi ombre che pesano non solo sull’operato del primo degli eletti del partito di maggioranza relativa, e uomo vicino al Sindaco, ma sull´intero partito di maggioranza che ne ha tratto un beneficio, una città devastata da annose problematiche che non garantiscono i servizi essenziali: erogazione acqua potabile nelle abitazioni, raccolta rifiuti, viabilità strade, decoro urbano, vivibilità delle periferie, ecc. Per tali motivi chiediamo che Sua Eccellenza intervenga con urgenza affinché venga ristabilito un clima di fiducia e legalità, che può rinascere solo con nuove elezioni con i controlli necessari affinché atti gravi come quelli descritti non accadano. Auspichiamo che i partiti di opposizione costituiscano un fronte unico di pressione verso le autorità competenti affinché venga ripristinato rapidamente un clima di fiducia verso le Istituzioni democratiche, di fatto oggi gravemente interrotto da simili azioni e di proposta di azioni immediate ed efficaci per migliorare le condizioni di vivibilità e civiltà nella nostra città, assenti ormai da troppo tempo“, conclude la nota.