fbpx

Reggio Calabria, straniero fermato per controllo insospettisce i Carabinieri e finisce denunciato con la moglie per detenzione di droga ai fini dello spaccio [DETTAGLI]

Reggio Calabria, controlli serrati da parte dei Carabinieri per il rispetto delle norme anti Covid 19

Intensificati i controlli del territorio da parte dei Carabinieri, al fine di prevenire e reprimere comportamenti scorretti, a dispetto delle normative anti Covid 19, che durante l’ultimo weekend hanno denunciato all’Autorità Giudiziaria 5 persone per diverse le ipotesi di reato:

A Gioia Tauro i militari della Sezione Radiomobile, in orario notturno, hanno controllato un’autovettura con a bordo due soggetti, un italiano e uno straniero originario del Centrafica. Quest’ultimo, mostrandosi fin da subito nervoso, ha destato sospetto ai militari operanti e alla richiesta dei documenti di riconoscimento, ne è risultato sprovvisto.

Dopo averlo condotto presso la sua abitazione, per attestarne l’identità, ad un certo punto l’atteggiamento ugualmente sospetto e frenetico della moglie ha indotto gli operanti ad effettuare anche un’approfondita perquisizione dello stabile, ad esito della quale hanno rinvenuto 8 grammi di cocaina e ulteriore sostanza stupefacente che sottoposta a sequestro, sarà sottoposta ad ulteriori specifici esami di laboratorio. Sequestrati, inoltre, circa 18.000 euro, rinvenuti nella disponibilità dei due coniugi, ritenuti provento dell’attività criminosa.

Ad esito delle attività di accertamento, la coppia è stata denunciata per detenzione di stupefacenti ai fini di spaccio.

A San Ferdinando, invece, i Carabinieri hanno denunciato in stato di libertà un uomo di Melicucco, operaio ed una donna straniera, per ricettazione in concorso, dopo aver riscontrato avessero in uso un telefonino rubato, di proprietà di un altro soggetto straniero residente del posto, già oggetto di denuncia.

Da ultimo, a Laureana di Borrello gli uomini dell’Arma, hanno segnalato all’Autorità Giudiziaria, un residente del posto, operaio, per vilipendio alle Forze Armate: l’uomo, dopo essere uscito dalla locale Stazione dei Carabinieri, è stato ripreso dalle immagini del sistema di videosorveglianza mentre urinava sul muro della stessa e pertanto immediatamente fermato dai militari che lo hanno anche sanzionato amministrativamente per atti contrari alla pubblica decenza, per una multa che va  da 5.000 a 10.000 euro, oltre che  per la mancanza della mascherina per un importo di 280 euro.

Complessivamente, sono stati 176 le persone e 106 i mezzi controllati, 13 le sanzioni elevate al codice della strada per un importo di 2.067 euro e diverse le contravvenzioni per inosservanza delle prescrizioni in materia Covid-19.