Categoria: CALABRIANEWSREGGIO CALABRIA

Reggio Calabria, i Sindacati della scuola chiariscono: “documento inviato dalle altre sigle stravolge la bozza sottoscritta, questa città non ha bisogno di chiudere scuole ma di scuole sicure”

Il comunicato stampa della Segreteria Provinciale SNALS CONFSAL di Reggio Calabria

In seguito all’articolo pubblicato ieri sulla nostra testata “Reggio Calabria, i sindacati della scuola denunciano la necessità di riorganizzare Pascoli, Telesio, Vitrioli-Principe di Piemonte e di unire gli istituti della zona Sud”, un comunicato stampa della Segreteria Provinciale SNALS CONFSAL di Reggio Calabria rettifica la posizione documento del OO. SS. su eventuale razionalizzazione della rete  scolastica. Di seguito la nota completa:

“In riferimento a quanto emarginato in oggetto le scriventi OO. SS. CISL Scuola, SNALS CONFSAL, GILDA nelle  persone dei Segretari Provinciali: Moio D., Leonardo F. e Ascrizzi M., portano a conoscenza di quanti in indirizzo di  avere appreso, attraverso la pubblicazione sul giornale on line “ Strettoweb” in data 21/12/2020, di richieste  congiunte da parte di tutti i sindacati del comparto scuola della provincia di Reggio Calabria di un documento  inoltrato su proposte per un eventuale piano di razionalizzazione della rete scolastica del primo ciclo nel Comune di  Reggio Calabria.

Sia dall’articolo che dal documento inoltrato alla Amministrazione comunale si evince un netto stravolgimento di  quanto sottoscritto da una bozza iniziale e che il pensiero e le posizioni in materia da parte degli scriventi non  corrispondono e non combaciano con quanto concordato.

Premesso che, ovviamente, sono perfettamente in linea sul fatto che la scuola dell’obbligo nella nostra città non  rappresenta problematiche nel suo complesso si dissociano dalle posizione assunte dalle altre sigle sindacali e mai  sottoscritte nella forma e nella sostanza presentate.

Rivendicano ed attendono un confronto con l’Assessore al ramo per un eventuale piano di razionalizzazione da  avviare per l’anno scolastico 2022/2023 secondo i meccanismi e le procedure previsti dal Decreto del Presidente  della Repubblica 20 marzo 2009,n. 81, dalle Linee Guida della Regione Calabria sui criteri da attuarsi per la  razionalizzazione della rete scolastica nella nostra regione alla luce della loro rivisitazione necessitata dagli  emendamenti prodotti , per tali questioni, dalla Commissione Bilancio ed integralmente accolti nella recente Legge di  Bilancio già approvata nell’Aulla della Camera.

Emendamenti, che rivisitano i parametri per il dimensionamento delle istituzioni scolastiche, riducendo da 600 a 500  alunni ( ovvero da 400 a 300 alunni per le istituzioni site nelle piccole isole, nei comuni montani , nelle aree  geografiche caratterizzate da specificità linguistiche) il numero minimo degli alunni necessario per l’attribuzione alle  istituzioni scolastiche di un dirigente scolastico e di un DSGA.

Reggio non ha bisogno di chiudere scuole ma di scuole sicure.

In attesa di cortese riscontro porgiamo distinti saluti”.

CISL SCUOLA Moio D. – SNALS CONFSAL Leonardo F. – GILDA Ascrizzi M.