fbpx

Reggio Calabria, indagini sulle elezioni amministrative di settembre: smascherato “complesso meccanismo”, 2 arresti e perquisizioni in corso

arresto polizia

Reggio Calabria, falsità in atto pubblico e reati elettorali: indagini sullo svolgimento delle recenti elezioni amministrative

Alle prime ore di oggi, in esito a complesse ed articolate indagini effettuate dalla Digos di Reggio Calabria e coordinate dalla Procura della Repubblica di Reggio Calabria, gli agenti della Questura, con il supporto del Compartimento Polizia Postale e delle Telecomunicazioni di Reggio Calabria e del Reparto Prevenzione Crimine Calabria, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di applicazione di misura cautelare personale, nei confronti di due indagati, emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari presso il Tribunale di Reggio Calabria, nell’ambito di indagini che hanno riguardato lo svolgimento delle recenti elezioni amministrative di Reggio Calabria, con contestazioni di plurime fattispecie di falsità in atto pubblico e reati elettorali.
Sono contestualmente in corso diverse perquisizioni connesse ai fatti di cui sopra.
Un “complesso meccanismo” volto ad eludere la regolare manifestazione del volto alle elezioni amministrative svoltesi il 20 e 21 settembre scorso è stato smascherato dagli organi inquirenti: i provvedimenti sarebbero stati emessi nell’ambito delle indagini avviate nello scorso mese di novembre sul caso di alcune persone che non si sarebbero recate al seggio ma delle quali risulta il voto.
Maggiori dettagli saranno forniti nelle prossime ore.

Reggio Calabria, scoperti reati elettorali: arrestati Antonino Castorina e Carmelo Giustra [DETTAGLI]

Reggio Calabria, così Castorina ha fatto votare morti, allettati ed emigrati. Ombre sul ruolo di Falcomatà, il Procuratore Bombardieri: “inizialmente è stato il Sindaco a delegarlo per la nomina dei Presidenti di seggio”