fbpx

Reggina, Crisetig spiega il nuovo ruolo: “Mezz’ala, play o portiere non importa per me. E sulla punizione di Denis”

reggina crisetig Crisetig

Reggina, le parole di Lorenzo Crisetig: il centrocampista amaranto è andato a segno sabato contro il Brescia nel suo nuovo ruolo di mezz’ala, dopo aver cominciato la stagione da play

E’ uno dei pezzi pregiati del mercato estivo della Reggina. Fiore all’occhiello del centrocampo, è andato in gol a Chiavari su punizione, prima di farsi espellere col Pisa e bagnare il rientro in campo col colpo di testa del vantaggio contro il Brescia. In un primo scorcio di stagione, Lorenzo Crisetig ha già fatto tanto, compreso il cambio di ruolo: da play a mezz’ala. “Mi trovo bene anche in questa nuova posizione – ha detto a Reggina Tv nel corso di ‘Tutti Figli di Gallo’ – L’ho sempre detto: il mio ruolo è quello di mettermi a disposizione dell’allenatore. Con Nicola a Crotone giocavamo in maniera diversa, col 4-4-2, però anche lì e in altre occasioni mi sono cimentato in una posizione simile a quella di sabato. Sicuramente giocare più avanti dà più tranquillità, perché si può rischiare la giocata. Ripeto, però: mezz’ala, play o portiere non cambia per me“.

Crisetig ritorna anche sul momento della punizione vincente di Denis contro il Brescia, posizione di competenza del centrocampista, che a Chiavari aveva segnato da lì: “Io ero convinto di poter fare bene, ma anche Denis lo era. Ho lasciato la battuta a lui e siamo tutti felici per l’epilogo”.

Sugli obiettivi, il calciatore glissa: “So quello che facciamo, l’impegno che ci mettiamo in settimana e in partita. Dobbiamo pensare a questo e poi alla 38ª giornata tireremo le somme. Dichiarazioni su obiettivi non ne faccio, le lascio a voi. Sicuramente vincere aiuta a vincere e a lavorare in maniera più serena e tranquilla, quindi il successo di sabato è fondamentale per questo”.

La Reggina, Toscano, Aglietti e quegli stranissimi segni del destino: l’ultima partita insieme e un obiettivo comune…