fbpx

Reggina, Baroni: “Non vedo l’ora di avere una settimana intera per preparare una partita, così è angosciante. Parola d’ordine continuità, non abbiamo fatto ancora niente”

Marco Baroni Enrico Locci/Getty Images

L’allenatore della Reggina Marco Baroni è stato ospite di ‘Tutti Figli di Gallo’ sui canali ufficiali del club all’indomani del pari con rimpianti di Vicenza

Ordine e compattezza in primis, ma anche importante lavoro psicologico. Ancora, però, non basta. In due partite, pur avendo raccolto solo un punto, mister Baroni sembrerebbe averci messo del suo, in positivo. Ancora presto per trarre bilanci su una sua eventuale impronta, anche perché da quando è arrivato la squadra non ha svolto una settimana intera di allenamenti, e così sarà fino al nuovo anno.

Il tecnico, che già ieri aveva dato delle indicazioni e degli spunti al termine del match pareggiato a Vicenza, è stato ospite di ‘Tutti Figli di Gallo‘, sui canali ufficiali. Queste le sue parole.

TOUR DE FORCE“Preparare le partite così per noi è angosciante. Una gara dietro l’altra, pochi giorni di lavoro. Non vedo l’ora di avere una settimana intera per prepararne una”.

VICENZA-REGGINA “E’ la prestazione che porta alla continuità di risultati. Vincere la partita piace a tutti, ma è come la si ottiene che a me interessa molto. C’erano calciatori che avevano recuperato ma che non avevano la condizione adeguata e così ho dato continuità con determinati calciatori, evitando di forzare i rientri. Io cerco di mettere i calciatori a proprio agio, devo portare le mie idee sul campo e scegliere chi è disponibile. Al momento siamo in emergenza indisponibili ma sono abituato a guardare chi ho”.

IL FUTURO PROSSIMO – “Bisogna pensare alle prossime partite, sicuramente difficili, ma in cui non aver paura. Chiedo una squadra che abbia coraggio. Questo campionato è terribile. Al momento la classifica è complicata, dobbiamo rimediarla perché il tempo c’è ma non va aspettato. Ieri la squadra mi è piaciuta proprio perché non ha avuto un atteggiamento remissivo, perché ha saputo gestire la palla, ricercato la profondità. Il passo avanti c’è stato ma non abbiamo fatto ancora niente, abbiamo solo portato via un punto”.

DENIS“Conto molto su un recupero pure parziale di Denis, anche solo ad avere la possibilità di sfruttarlo a gara in corso, sarebbe già una risorsa importante per via delle numerose assenze davanti”.

REGGIANA“La Reggiana davanti ha velocità principalmente, ma in tutte le zone del campo è molto dinamica. Dobbiamo sbagliare poco e lo possiamo fare. Fino ad ora siamo riusciti ad entrare poco in area di rigore ed è una delle cose su cui essere bravi, ad avere linea difensiva elastica, che accorci sui centrocampisti e non abbia paura di avere campo dietro”.

GLI AUGURI“Ieri sera ho sfruttato il viaggio di rientro per riguardare sia la nostra partita che quella della Reggiana, quindi ho ben poco tempo da festeggiare. Ma ne approfitto per fare gli auguri a tutti i tifosi amaranto, che mi auguro di vedere presto vicini a noi. Intanto ci siamo presi l’impegno con loro, quando sono venuti al Sant’Agata, di dare il massimo. Voglio precisare che hanno detto cose giuste, hanno parlato bene. Per me è stato un bel confronto”.

Vicenza-Reggina, dalla catena di sinistra agli inserimenti delle mezzali: la chiave tattica in 4 immagini [FOTOGALLERY]

Reggina shock, insulti alla famiglia di Plizzari dopo l’errore di Vicenza. Don Giovanni: “immensa tristezza, sono vicino al ragazzo. Portate rispetto”

Reggina, per fortuna c’è qualcosa di buono (finalmente). Ma le parole di Baroni fanno riflettere…

Reggina, un errore che fa male: Plizzari disattiva il profilo Instagram